Blitz israeliano contro nave aiuti: su facebook spunta il gruppo “Flottiglia di aiuti per i curdi”

Pubblicato il 2 Giugno 2010 16:40 | Ultimo aggiornamento: 2 Giugno 2010 19:34

La nave di aiuti Mavi Marmara

Una flottiglia di pace israeliana con aiuti umanitari per il Kurdistan, “vittima della crudeltà turca”: è un’idea comparsa oggi su una pagina di Facebook.

Molto irritati dalle critiche mosse dalla Turchia ad Israele, gli ideatori di questa iniziativa esprimono simpatia e solidarità al popolo armeno e al popolo curdo e assicurano che Tel Aviv è disposta a inoltrare loro aiuti umanitari “anche se i turchi non lo gradissero”.

Qualcuno scrive, con ironia, che “c’è fermento fra gli yacht lussuosi ancorati nella marina di Herzlya” e aggiunge che “non vedono l’ora di salpare”.

Qualcun altro, pure con toni sarcastici, aggiunge: “Anch’io sono animato da sinceri sentimenti di pace. Sto già preparando i bagagli: due magliette, un paio di pantaloni e quattro accette…”.

La pagina di Facebook è stata subito notata in Turchia. Per tutta la mattinata era coperta da una serie di scritte ingiuriose, in inglese, nei confronti del premier Benyamin Netanyahu.

In un secondo tempo, però, gli improperi sono stati cancellati per fare spazio alla fotografia di uno yacht, idealmente in partenza verso la popolazione curda.