Blitz israeliano, Tel Aviv critica l’Onu e loda l’Italia che “ha resistito all’offensiva contro Israele”

Pubblicato il 2 Giugno 2010 20:48 | Ultimo aggiornamento: 2 Giugno 2010 21:03

Igal Palmor

Israele critica le Nazioni Unite ed elogia l’Italia. Il portavoce del ministero israeliano degli Esteri Igal Palmor ha detto all’Ansa che Tel Aviv non ha apprezzato la richiesta fatta dal Consiglio dell’Onu per i diritti umani di aprire un’inchiesta internazionale sul blitz di Israele nella nave turca Marmara.

Lodi invece per i Paesi, fra cui l’Italia, che si sono opposti a quella risoluzione. “Il Consiglio per i diritti umani – ha detto Palmor – ha perduto da tempo la propria autorità morale e si concentra in maniera ossessiva e sproporzionata su Israele, mentre ignora vergognosamente massicce violazioni dei diritti umani nel resto del mondo”.

“Il voto odierno, che è avvenuto – secondo Palmor – con un procedimento senza precedenti per la sua rapidità e senza dedicare tempo alla meditazione o ad un dibattito approfondito, dimostra una volta di più che quel Consiglio ricorre al ‘pilota automatico’ per quanto attiene ad Israele e che è uno strumento nelle mani di Paesi antidemocratici per i quali i diritti umani sono l’ultima delle loro considerazioni”.

“Pertanto – ha affermato – dobbiamo lodare la voce morale e coraggiosa di quei Paesi, fra cui l’Italia, che hanno resistito alla offensiva cieca ed automatica nei confronti di Israele. Questi Paesi hanno offerto un esempio di quello che le Nazioni Unite dovrebbero e potrebbero essere, e che purtroppo non sono più da tempo”.