VIDEO YOUTUBE Berlusconi telefona a Erdogan e Merkel aspetta

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 Ottobre 2015 10:30 | Ultimo aggiornamento: 24 Ottobre 2015 15:36
VIDEO YOUTUBE Berlusconi telefona a Erdogan e Merkel aspetta

VIDEO YOUTUBE Berlusconi telefona a Erdogan e Merkel aspetta

ROMA – Ecco il video che ha causato un vero e proprio incidente diplomatico che ha visto coinvolto il presidente del consiglio italiano dell’epoca, Silvio Berlusconi ad un vertice internazionale, il summit per il sessantesimo anniversario della Nato .

Per parecchi minuti Berlusconi è rimasto al telefono mentre il cancelliere tedesco Angela Merkel lo attendeva all’ingresso della passerella che avrebbe permesso ai leader Nato di oltrepassare il confine Germania-Francia, fra la cittadina di Kehl e la città francese di Strasburgo.

La Merkel ha salutato Berlusconi appena sceso dalla sua auto, ma il premier le ha fatto cenno con un dito di attendere ed è rimasto incollato al telefonino per una decina di minuti, passeggiando nel prato e tra le bandiere della Nato sulla riva del fiume.

5 x 1000

Nel frattempo gli altri capi di governo continuavano ad arrivare. Quando è stato il turno del britannico Gordon Brown, la Merkel ha indicato sorridente Berlusconi a Brown e pochi minuti più tardi ha abbandonato il tappeto rosso.

La presidenza del Consiglio ha fatto sapere che Berlusconi era al telefono col premier turco Tayyp Erdogan, nell’inutile tentativo di far accettare alla Turchia la candidatura del danese Anders Fogh Rasmussen come nuovo segretario generale dell’Alleanza.

Erdogan si oppone a Rasmussen perché lo ritiene protagonista di un’offesa all’Islam con la vicenda delle “vignette islamiche”. Tre anni fa i cartoons anti-islamici pubblicati da un giornale danese provocarono un’ondata di proteste in tutto il mondo islamico.

Erdogan, principalmente per problemi di politica interna turca, ha deciso di ergersi a difensore dell’ Islam e di contestare la scelta di Rasmussen fatta da Germania, Francia e Gran Bretagna e poi accettata anche dagli Stati Uniti.