Nato/ Violenti scontri a Strasburgo tra polizia e dimostranti. Almeno 50 feriti. Salta il programma delle first lady

Pubblicato il 4 Aprile 2009 11:45 | Ultimo aggiornamento: 4 Aprile 2009 14:35

Sono già almeno 50 i feriti nei disordini scoppiati alle proteste contro il vertice Nato a Strasburgo e lungo la frontiera franco-tedesca, in una situazione sempre più fuori controllo.

Dopo che il corteo principale (circa cinquemila persone) ha preso il via nei pressi della riva francese del Reno, decine di giovani incappucciati, i black bloc, hanno appiccato incendi a un posto di frontiera francese abbandonato e a un albergo, e hanno saccheggiato una stazione di rifornimento e una farmacia.

Gli scontri più duri si sono verificati nei pressi del Ponte d’Europa che collega Francia e Germania e che dista 5 chilometri dal Palazzo della Musica e dei Congressi, dove si tiene il summit.

La maggior parte dei feriti è stata provocata dai lanci di lacrimogeni e dai proiettili di gomma, sparati dalle forze dell’ordine in assetto antisommossa. Gli scontri sono molto duri: i manifestanti distruggono vetrine e assaltano bar e negozi.

Fumo sta uscendo da alcune finestre dell’hotel Ibis, non lontano dalla centralissima Place Kleber nel cuore della città vecchia. I manifestanti pacifici si sono seperati dai black bloc, e hanno invitato con i megafoni a dividersi dai gruppi più violenti.

L’alto rischio di nuovi scontri ha avuto una conseguenza sul vertice: la polizia francese ha cancellato parte del programma delle first lady, che avrebbero dovuto visitare un ospedale per malati di cancro. Lo riferiscono fonti dell’Eliseo.

Il programma per le consorti – tra cui in realtà c’è anche il marito di Angela Merkel – prevede anche una visita alla cattedrale di Strasburgo, uno dei monumenti più famosi della città alsaziana. I manifestanti già ieri avevano tentato di avvicinarsi al centro, ma erano stati respinti dalle forze dell’ordine.