Nucleare in Iran. Usa: “Prontan opzione militare se la diplomazia fallisce”

Pubblicato il 17 Maggio 2012 9:54 | Ultimo aggiornamento: 17 Maggio 2012 9:56

TEL AVIV – Gli Stati Uniti continuano a giudicare ''preferibile'' una soluzione del dossier iraniano attraverso la diplomazia e le pressioni internazionali, ma considerano comunque l'opzione militare ''pienamente disponibile'' laddove Teheran dovesse proseguire sulla strada dei suoi programmi nucleari. Lo ha affermato oggi l'ambasciatore di Washington in Israele, DanShapiro, precisando inoltre che i piani di un ipotetico attacco americano sono ''pronti''.

Shapiro ha espresso queste considerazioni – volte a rassicurare Israele – nel corso di dichiarazioni rilasciate stamattina alla Radio militare. ''Sarebbe preferibile – ha premesso l'ambasciatore – risolvere (la questione iraniana) attraverso la diplomazia e l'uso di pressioni invece che attraverso l'uso della forza''. ''Questo pero' – ha puntualizzato – non significa che quest'ultima opzione non sia pienamente disponibile. Anzi, non solo disponibile ma pronta, poiche' e' stata gia' fatta tutta la pianificazione necessaria per assicurare che essa sia pronta'' in caso di necessita'.

Il presidente Barack Obama ha piu' volte ripetuto negli ultimi mesi che Washington, pur perseguendo in questa fase la strada della diplomazia e delle sanzioni economiche nei confronti dell'Iran, non esclude in prospettiva alcuna opzione, inclusa quella militare. Secondo fonti diplomatiche, l'amministrazione Usa insiste tuttavia nel frenare sull'ipotesi di un ipotetico attacco militare israeliano contro le installazioni nucleari di Teheran gia' nei prossimi mesi: ipotesi ripetutamente ventilata sia dal premier, Benyamin Netanyahu, sia dal ministro della Difesa, Ehud Barak.