Obama risponde a critiche repubblicani: ”Oggi l’America è sicura e rispettata”

Pubblicato il 1 settembre 2012 15:11 | Ultimo aggiornamento: 1 settembre 2012 15:11

FORT BLISS , STATI UNITI -Respingendo al mittente le critiche, il presidente Barack Obama, replica alle accuse dei repubblicani. E se per rispondere alle bordate di Clint Eastwood si affida a una foto su twitter, per replicare agli attacchi del candidato repubblicano Mitt Romney, del suo vice Paul Ryan e dell’ex segretario di stato Condoleezza Rice si affida invece a poche parole chiare, pronunciate di fronte a un pubblico di militari.

”Oggi l’America e’ piu’ sicura e rispettata”, dice a Fort Bliss, Texas. ”Finire le guerre in Iraq e in Afghanistan in maniera responsabile ci ha resi piu’ sicuri” aggiunge in occasione del secondo anniversario della fine della guerra in Iraq. ”Se sentite qualcuno dire che l’America e’ in declino o che la nostra influenza sta svanendo, non credetegli”, afferma il presidente.

”Nel mondo c’e’ un nuovo atteggiamento nei confronti dell’America, una nuova fiducia nella nostra leadership. Quando viene chiesto quale Paese e’ il piu’ ammirato, e’ una nazione quella piu’ citata: gli Stati Uniti”. ”Oggi Al Qaida e’ sulla strada della sconfitta, ma noi restiamo vigili” aggiunge. Le parole di Obama sono direttamente rivolte alle accuse che gli sono state mosse dai repubblicani durante la convention.

Obama e’ stata criticato per mancanza di leadership e per aver indebolito il ruolo dell’America nel mondo. E coglie l’occasione del secondo anniversario della fine della guerra in Iraq per rispondere e far leva sui veterani. ”Avete aiutato l’Iraq a riemergere dagli abissi” dice Obama che, prima di parlare a Fort Bliss davanti a 5.000 soldati, ha incontrato 13 militari e le loro famiglie per cercare di capire come meglio l’amministrazione puo’ aiutarli. In contemporanea con la visita, Obama ha emesso un ordine esecutivo per ampliare il programma di prevenzione dei suicidi e di assistenza psicologica per i veterani e le loro famiglie.