Obama, Sarkozy e Brown in coro: “Altra crisi senza azione coordinata”

Pubblicato il 30 Marzo 2010 15:07 | Ultimo aggiornamento: 30 Marzo 2010 15:07

Senza una “azione coordinata” dei Paesi del G20 “c’é il rischio di una crescita debole e di una nuova crisi”. Lo affermano il presidente Usa Barack Obama, il presidente francese Nicolas Sarkozy, il premier canadese Stephen Harper e il presidente sudcoreano Lee Myung-Bak in una lettera indirizzata a tutti i leader del G20.

“In quanto presidenze passate, attuali e future del summit dei capi di Stato e di governo del G20 – proseguono i 5 leader nella missiva – vi scriviamo oggi per sottolineare la necessità di attuare il nostro impegno di coordinare le nostre politiche macro-economiche e di continuare le riforme in vista di una migliore regolazione e di un rafforzamento del sistema finanziario internazionale”. Per Obama, Brown, Sarkozy, Harper e Lee Myung-Bak gli sforzi del G20 “hanno permesso di stimolare la ripresa dell’economia mondiale e hanno evitato il crollo completo del sistema finanziario”.

“Ma il nostro lavoro non è ancora concluso – avvertono i cinque leader – la ripresa in corso dell’economia mondiale resta fragile. Le tensioni attuali illustrano i rischi che persistono per l’economia mondiale e la stabilità finanziaria”. In questo contesto “il nostro obiettivo deve essere rafforzare il sistema finanziario e costruire un’economia mondiale più solida, fondata su una crescita durevole e una prosperità per tutti”.