Oman, il nuovo sultano Haitham bin Tariq manterrà politica della non ingerenza

di Caterina Galloni
Pubblicato il 17 Gennaio 2020 6:47 | Ultimo aggiornamento: 16 Gennaio 2020 18:25
Oman, il nuovo sultano Haitham bin Tariq manterrà politica della non ingerenza

Il nuovo sultano dell’Oman Haitham bin Tariq

ROMA – A distanza di pochi giorni dalla morte di Qaboos, 79enne sultano dell’Oman per circa 50 anni, il successore designato dallo stesso Qaboos Al Said, è il cugino Haitham bin Tariq.

Bin Tariq, nato nel 1954 a Karachi e che ha studiato a Oxford, secondo gli analisti in nome della continuità dovrà avviare una serie di riforme economiche e mantenere la stabilità all’interno del sultanato. Al contempo, dovrà sostenere la politica estera del paese – che, scrive aljazeera.com può essere sintetizzata come “nemico di nessuno e amico di tutti” – in mezzo a un conflitto polarizzante nella regione.

“Un governo di Muskat neutrale in grado di far passare i messaggi e facilitare il dialogo attualmente è più importante che mai, viste le tensioni tra Stati Uniti e Iran che negli ultimi giorni di vita del Sultano Qaboos, hanno quasi causato un nuovo conflitto”, ha detto ad Al Jazeera, Kristian Coates Ulrichsen, del Baker Institute for Public Policy della Rice University esperto in materia del Golfo.

Nel discorso inaugurale, bin Tariq si è impegnato a mantenere la linea sulla politica estera del Paese e continuare ad “aiutare a risolvere pacificamente le controversie”. In passato questa posizione ha causato attriti tra l’Oman e i vicini del Golfo, gli Emirati Arabi Uniti e l’Arabia Saudita, in particolare su questioni relative all’Iran e al Qatar.

Secondo quanto riportato da Al Jazeera, Neil Quilliam, membro per il Medio Oriente di Chatham House e CEO di Castlereagh Associates Consultancy, sostiene che bin Tariq abbia le carte in regola “per affrontare le sfide dell’Oman” e abbia intenzione di mettere l’economia al primo posto.

Fonte: aljazeera.com