Politica Mondo

Papa Francesco: “No tratta delle novizie. Rischiamo seminari che formano mostri”

Papa Francesco: "No tratta delle novizie. Rischiamo che seminari formino mostri"

Papa Francesco (LaPresse)

CITTA’ DEL VATICANO – Papa Francesco ha esortato gli ordini religiosi a dire basta con “la tratta della novizie”. Lo rivela un comunicato della Civiltà Cattolica che nel pomeriggio di venerdì 3 gennaio metterò online il testo di una conversazione tra il Pontefice e l’Unione Superiori Generali. “Bisogna formare il cuore. Altrimenti formiamo piccoli mostri. E poi questi piccoli mostri formano il popolo di Dio. Questo mi fa venire davvero la pelle d’oca”, dice Papa Francesco nel lungo dialogo sulle sfide che la vita religiosa, e l’intera Chiesa, si trovano ad affrontare

“Nei desideri – ha sottolineato Francesco – Favre sapeva discernere quelli di Dio. Voleva essere dilatato in Dio ed era completamente centrato in Dio. Perciò andava ovunque ad annunciare il Vangelo”. Favre, cioè, “provava il desiderio di lasciare il centro del suo cuore a Gesù, era divorato dall’intenso desiderio di comunicare il Signore”.

Anche noi, ha soggiunto il Papa parlando ai suoi confratelli gesuiti, “dobbiamo lasciare operare in noi il fascino di Gesu’“. Nell’omelia il Pontefice ha poi ricordato quanto dice San Paolo: “Abbiate gli stessi sentimenti di Cristo Gesù: egli pur essendo nella condizione di Dio, non ritenne un privilegio l’essere come Dio ma svuotò se stesso assumendo una condizione di servo”.

“Noi, gesuiti – ha scandito – vogliamo essere insigniti del nome di Gesù, militare sotto il vessillo della sua Croce, e questo significa: avere gli stessi sentimenti di Cristo. Significa pensare come Lui, voler bene come Lui, vedere come Lui, camminare come Lui. Significa fare cio’ che ha fatto Lui e con i suoi stessi sentimenti, con i sentimenti del suo Cuore”. E il Vangelo insegna la fraternita’ e l’amore e non le bastonate inquisitorie.

 

To Top