Per il presidente Obama il discorso di Netanyahu costituisce “un importante passo avanti”

Pubblicato il 14 giugno 2009 23:49 | Ultimo aggiornamento: 14 giugno 2009 23:49

Reazioni almeno in apparenza positive al discorso del primo ministro Benjamin Netnayahu sulla possibile costituzione di “uno stato palestinese”. La apparente apertura di Netanyahu rappresenta “un importante passo avanti”, a quanto ha detto il portavoce della Casa Bianca Robert Gibbs.

Secondo Gibbs, il presidente Barack Obama “accoglie positivamente l’importante passo avanti nel discorso del primo ministro (Benjamin) Netanyahu”, ha detto testualmente il portavoce.

Appare evidente che, in questa fase preliminare dell’asupicato processo di pace in Medio Oriente, il presidente Obama ha preferito cogliere l’unico elemento positivo, costituito dalla disponibilità a considerare, da parte israeliana, uno stato ndipendente palestinese quanto meno come ipotesi di lavoro. La Casa Bianca ha invece evitato di approfondire tutte le condizioni poste da Netanyahu, che di fatto rendono vana qualsiasi speranza.

Ma per Netanyahu, che è andato al governo con i voti degli estremisti razzisti di destra guidati dal moldavo Avigdor Lieberman, dare l’apertura contenuta nel suo discorso di domenica, rappresenta già una importante forzatura.