Repubblicani, Donald Trump primo nei sondaggi: anche gli Usa avranno il loro Berlusconi?

di Edoardo Greco
Pubblicato il 5 agosto 2015 6:11 | Ultimo aggiornamento: 4 agosto 2015 13:59
Repubblicani, Donald Trump primo nei sondaggi: anche gli Usa avranno il loro Berlusconi?

Repubblicani, Donald Trump primo nei sondaggi (Wall Street Journal)

NEW YORK – Anche l’America potrebbe avere il suo Berlusconi: il magnate Donald Trump è in testa ai sondaggi fra gli elettori repubblicani, primo fra i possibili candidati da contrapporre a quello dei democratici. Fra i quali è prima, ma mai così in basso nelle percentuali, Hillary Clinton.

Secondo un sondaggio commissionato dal Wall Street Journal e dalla Nbc, sono gli elettori incerti e delusi a spingere verso l’alto i candidati percepiti come meno istituzionali. Anche quando si tratta di figure come Trump. Che dato il suo profilo di riccone senza peli sulla lingua è allo stesso tempo la figura più popolare (fra i repubblicani) e anche la più odiata.

In ogni caso né Trump né gli altri repubblicani superano il 20% di consensi, e solo in quattro vanno oltre il 10%: le preferenze degli elettori si sparpagliano su una decina di opzioni, senza concentrarsi in particolare su nessuno.

I candidati fino a pochi mesi fa dati per favoriti sono quelli più in difficoltà. Jeb Bush, fratello minore di George W. e figlio di George H., sta perdendo terreno soprattutto fra l’elettorato più conservatore. Al momento è terzo col 14%, superato dal governatore del Wisconsin Scott Walker.

Hillary Clinton non ha mai conosciuto una popolarità così bassa in tutta la sua carriera politica. Così deve assistere all’ascesa del candidato di sinistra Bernie Sanders, anche se il divario fra i due resta di 34 punti percentuali (59% Clinton, 25% Sanders). In attesa delle mosse del vicepresidente Joe Biden, che sta considerando l’idea di una sua candidatura alle presidenziali 2016.