Iran, l’ayatollah Shirazi: “L’Olocausto è solo una superstizione dell’Occidente”

Pubblicato il 4 Settembre 2010 18:31 | Ultimo aggiornamento: 4 Settembre 2010 18:49

L'ayatollah Nasser Makarem Shirazi

Un influente religioso iraniano, il grande ayatollah Nasser Makarem Shirazi ha definito oggi l’Olocausto una “superstizione” dell’Occidente.

“L’Olocausto è niente altro che una superstizione, ma i sionisti dicono che i popoli del mondo devono accettarlo”, ha detto l’ayatollah citato dall’agenzia Irna.

“Americani e occidentali subiscono queste superstizioni ricorrenti come l’Olocausto”, ha aggiunto, affermando che “la verità” sullo sterminio degli ebrei da parte dei nazisti nel corso della Seconda guerra mondiale “non è chiara”, e che quando “i ricercatori tentano di esaminare le cose vengono incarcerati”.

Le affermazioni del religioso, tra le più alte cariche sciite, arrivano all’indomani dell‘attacco ai colloqui diretti tra Israele e Anp del presidente iraniano Mahmud Ahmadinejad, che ha pronosticato il fallimento dei negoziati e invitato i palestinesi a resistere, evocando nuovamente la distruzione dello Stato di Israele. In passato ha definito l’Olocausto un “mito”.