Sri Lanka, condannato dalla Corte marziale l’ex capo dell’esercito Fonseka

Pubblicato il 14 agosto 2010 8:48 | Ultimo aggiornamento: 14 agosto 2010 8:47

Il generale Fonseka

Una Corte marziale dello Sri Lanka ha stabilito che l’ex comandante dell’esercito Sarath Fonseka è colpevole di aver perseguitato obiettivi politici quando era ancora in servizio attivo disponendone la degradazione ”per disonore” e la revoca di tutti i riconoscimenti e medaglie ottenute nella sua carriera.

Lo riferisce la stampa a Colombo. L’interessato, che si trova agli arresti, ha fatto sapere attraverso la moglie al quotidiano Daily Mirror di non voler accettare la sentenza e di considerare il fatto che la Corte marziale fosse composta da ufficiali di grado inferiore al suo (generale a quattro stelle) come ”un gioco umoristico”.

Sfortunato sfidante del presidente Mahinda Rajapaksa nelle ultime elezioni, Fonseka ha partecipato come candidato dell’opposizione anche alle elezioni legislative, conquistando un seggio in Parlamento. Oltre a questa Corte marziale l’ex generale, considerato il protagonista della vittoria militare sull’Esercito di liberazione delle Tigri Tamil (Ltte), è giudicato anche da una seconda che esamina suoi presunti traffici illeciti nell’acquisto di materiale militare.