Trump vuol facilitare l’uso di armi nucleari Usa: sì a testate a potenziale ridotto, lo scoop del Guardian

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 gennaio 2018 11:35 | Ultimo aggiornamento: 10 gennaio 2018 11:53
trump-nucleare-guardian

Trump vuol facilitare l’uso di armi nucleari: sì a testate a potenziale ridotto, lo scoop del Guardian

ROMA – Trump vuol facilitare l’uso di armi nucleari Usa: sì a testate a potenziale ridotto, lo scoop del Guardian. L’amministrazione Trump vuole rendere più facile l’utilizzo delle armi nucleari nel proprio arsenale ricorrendo alla creazione di testate “a ridotto potenziale”.

E’ quanto rivela il britannico Guardian: il Pentagono starebbe così valutando questa proposta che preoccupa molto gli attivisti contrari alla proliferazione atomica.  Il quotidiano cita come fonte, nel suo articolo principale in prima pagina, Jon Wolfsthal, che era l’esperto di armi atomiche nella precedente amministrazione di Barack Obama. Stando alla ricostruzione di Wolfsthal, gli Stati Uniti punterebbero a inserire le nuove testate a potenziale ridotto sui missili Trident imbarcati a bordo dei sottomarini.

Uno dei maggiori timori, sottolinea il giornale, riguarda la facilità con cui il presidente Donald Trump potrebbe ricorrere all’uso di questi ordigni nei suoi frequenti confronti con altri Paesi ritenuti una minaccia per gli Usa.

Fuga dalla Casa Bianca. Prevedendo una fuga dall’amministrazione, la Casa Bianca ha detto allo staff del presidente, inclusi alcuni dei più stretti consiglieri, di decidere entro la fine di gennaio se intende lasciare l’incarico o rimanere fino alle elezioni di medio termine. Lo riporta la Cnn citando alcune fonti, secondo le quali nelle prossime settimane e’ atteso un ‘esodo’ dalla Casa Bianca, dove già molte posizioni restano vuote nonostante Donald Trump sia in carica da un anno.

Secondo le indiscrezioni circolate negli ultimi mesi a poter lasciare potrebbe essere Rex Tillerson, il segretario di Stato. Ma in corsa per uscire potrebbe esserci anche il segretario alla Difesa, Jim Mattis.