Trump furioso, blitz Fbi nello studio del suo avvocato Michael Cohen: “Attacco al Paese”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 aprile 2018 11:27 | Ultimo aggiornamento: 10 aprile 2018 11:27
Trump furioso, blitz Fbi nello studio del suo avvocato Michael Cohen: "Attacco al Paese"

Trump furioso, blitz Fbi nello studio del suo avvocato Michael Cohen: “Attacco al Paese”

ROMA – L’Fbi perquisisce gli uffici dell’avvocato personale di Donald Trump, Michael Cohen.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

E la rabbia del presidente americano non si fa attendere: è una ”situazione scandalosa”, un ”attacco al nostro paese”, un ”nuovo livello di ingiustizia” dice Trump riunito con i suoi più stretti collaboratori per parlare di Siria e di come rispondere all’attacco chimico.

Trump è teso, arrabbiato e attacca a tutto campo, riservando le sole buone parole a Cohen, ”una brava persona”. Critica il ministro della Giustizia Jeff Sessions per essersi astenuto sulle indagini sul Russiagate, aprendo di fatto la strada alla nomina di Robert Mueller  a procuratore speciale. Ed è proprio contro di lui che la rabbia di Trump si scatena nella convinzione che ormai sia andato oltre. A chi gli chiedeva se intendesse licenziarlo, il presidente risponde con un laconico ”vedremo cosa accadrà, molti mi dicono che dovrei licenziarlo”.

Nella squadra di Mueller ci sono il ”gruppo di persone più faziose” che si sia mai visto: si tratta – dice – soprattutto di democratici con conflitti di interesse che non hanno esaminato e indagato Hillary Clinton. Le posizioni di Mueller e Sessions sembrano così sempre più scricchiolare, ma non se la passa meglio il vice ministro della giustizia Rod Rosenstein. Secondo le normativa vigente, Mueller deve contattare Rosenstein nel caso in cui si scontri con informazioni non del tutto inerenti con le indagini sul Russiagate.

Sta poi a Rosenstein decidere come procedere, se ampliare il mandato di Mueller o segnalare alle autorità le informazioni ricevute. Il raid negli uffici di Cohen sarebbe stato innescato da alcune informazioni emerse nell’ambito delle indagini sul Russiagate e segnalate da Mueller alle autorità di New York. Secondo indiscrezioni riportate dal Washington Post, Cohen sarebbe indagato per frode bancaria e violazione delle norme per il finanziamento della campagna elettorale.

Con la perquisizione sarebbero stati prelevati alcuni documenti riguardanti anche Stormy Daniels, la porno star con la quale Trump avrebbe avuto una relazione nel 2006, quando Melania Trump era da poco incinta. Proprio Stormy avrebbe rilasciato un’intervista esplosiva al magazine Penthouse e si sarebbe lasciata ritrarre nuda per il numero che sarà in edicola alla fine del mese.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other