Trump, la speaker dem Nancy Pelosi gli tappa la bocca: annullato discorso sullo Stato dell’Unione

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 gennaio 2019 17:40 | Ultimo aggiornamento: 24 gennaio 2019 17:40
Trump, la speaker dem Nancy Pelosi gli tappa la bocca: annullato discorso sullo Stato dell'Unione (foto Ansa)

Trump, la speaker dem Nancy Pelosi gli tappa la bocca: annullato discorso sullo Stato dell’Unione (foto Ansa)

ROMA – “Il discorso sullo stato dell’Unione è stato cancellato da Nancy Pelosi perché non vuole sentire la verità, non vuole che l’opinione pubblica americana senta cosa sta accadendo”, ha dichiarato Donald Trump, sottolineando che la speaker della Camera ha “cancellato il discorso per la prima volta nella storia del Paese”.

Il presidente Usa, com’è nel suo stile, attacca a testa bassa il capo dei democratici Pelosi, minaccia “di trovare un’alternativa” al rituale appuntamento, ma è un fatto che debba incassare una batosta mediatica sulla madre di tutte le sue battaglie, la ragione sociale della sua presidenza, il muro per blindare il confine sud con il Messico.

Lo stallo seguito al confronto con una Camera che non controlla più, lo shutdown che paralizza le attività federali e lascia senza stipendio migliaia di funzionari, l’azzardo morale di voler ottenere ad ogni costo il muro con la speranza di guadagnarsi la rielezione…

Stavolta l’ex tycoon ha trovato una opposizione parlamentare degna di questo nome, i nuovi ingressi (donne, esponenti delle minoranze) hanno galvanizzato anche una politica di lungo corso e sicura appartenenza all’establishment più esclusivo come Nancy Pelosi trasformandola in un avversario durissimo.

La signora ha scelto il muro contro muro, per restare in tema, abbandonando i bizantinismi diplomatici, mettendosi, se possibile, sullo stesso piano dell’imprevedibile e umorale Donald. E lanciando una controproposta che rischia di affossare il muro una volta per tutte: per mettere fine allo shutdown, l’opposizione si è detta disponibile ad offrire sino a 5,7 miliardi di dollari, per la sicurezza al confine ma non per il muro col Messico, e solo dopo la riapertura del governo. La somma è pari a quella chiesta dal presidente per la barriera alla frontiera sud, scrive il New York Times.