Trump: “Sanzioni immediate all’Iran. Saranno durissime”

di redazione Blitz
Pubblicato il 9 Gennaio 2020 18:52 | Ultimo aggiornamento: 9 Gennaio 2020 18:52
Donald Trump (Ansa)

Donald Trump (Ansa)

WASHINGTON – Le sanzioni all’Iran scatteranno immediatamente, sono già pronte e saranno durissime: lo ha detto Donald Trump parlando con i giornalisti alla Casa Bianca.

 Il presidente Usa ha commentato anche il disastro dell’aereo di linea ucraino precipitato a Teheran e che, secondo alcune fonti, potrebbe essere stato colpito per sbaglio de un missile iraniano: “Qualcuno potrebbe aver commesso un errore” ha detto Trump che poi ha aggiunto: “Ho un mio sospetto su quanto accaduto”. Il riferimento è alle indiscrezioni stampa che puntano il dito sul sistema antimissilistico di Teheran escludendo problemi tecnici del Boeing 737 precipitato.

Ambasciatore Iran in Italia: “Negoziati con Usa solo se tornano nell’accordo nucleare”

Oltre a Trump, nel pomeriggio ha parlato anche l’ambasciatore iraniano in Italia, Hamid Bayat. All’Ansa, Bayat ha detto che i negoziati tra l’Iran e gli Usa saranno possibili “solo nel caso di un ritorno degli Stati Uniti all’accordo nucleare e la cancellazione di tutte le sanzioni imposte all’Iran”. 

“Considerate le attuali circostanze, generate dal perdurare delle minacce americane e della politica della ‘massima pressione’ – ha aggiunto Bayat – non vedo attualmente alcuna possibilità di negoziare con gli Usa”. Se Washington deciderà di rientrare nell’accordo sul nucleare del 2015, dal quale il presidente Donald Trump ha deciso il ritiro nel 2018, un dialogo con gli Stati Uniti potrà esserci, ma sempre “nel quadro del Jcpoa”, ha aggiunto l’ambasciatore, citando la sigla con cui è conosciuto l’accordo firmato cinque anni fa da Iran, Usa, Russia, Cina, Francia, Gran Bretagna, Germania e Ue.

Prima di Bayat, l’ambasciatrice Usa all’Onu, Kelly Craft, aveva inviato una lettera al Consiglio di Sicurezza aveva detto che gli Stati Uniti sono “pronti a impegnarsi senza precondizioni in seri negoziati” con Teheran.

Fonte: Ansa