Turchia, Imamoglu sindaco di Istanbul: sconfitto (di nuovo) il candidato di Erdogan

di redazione Blitz
Pubblicato il 23 Giugno 2019 18:56 | Ultimo aggiornamento: 23 Giugno 2019 20:28
Turchia, Imamoglu nuovo sindaco di Istanbul: sconfitto (di nuovo) il candidato di Erdogan

Turchia, Imamoglu nuovo sindaco di Istanbul: sconfitto (di nuovo) il candidato di Erdogan (Foto Ansa)

MILANO – Per la seconda volta in meno di tre mesi Ekrem Imamoglu è stato eletto sindaco di Istanbul. Il candidato del partito di opposizione Chp, laico e socialdemocratico, si è aggiudicato anche le nuove elezioni indette dopo quelle del 31 marzo scorso, giudicate irregolari dal presidente Recep Tayyip Erdogan e dal suo partito Akp, conservatore e filo-islamico.

Secondo i risultati resi noti dal quotidiano Hurriyet, Imamoglu si è aggiudicato il 53,8% delle preferenze, contro il 45,2% dell’ex premier Binali Yildirim dell’Akp del presidente Erdogan: ottocentomila voti in più. Nel voto annullato, Imamoglu aveva prevalso su Yildirim per appena 13.729 preferenze su quasi 9 milioni di voti espressi

A queste nuove elezioni, in cui erano chiamati alle urne oltre dieci milioni e mezzo di residenti, è stato massiccio lo schieramento di volontari ai seggi per monitorare la regolarità delle operazioni di voto e dello spoglio, con oltre centomila rappresentanti di lista dei partiti e decine di migliaia di altri attivisti impegnati nei controlli.

5 x 1000

Quella di Istanbul era una sfida chiave per Erdogan. Da qui era partita la sua ascesa 25 anni fa, proprio come sindaco. E questa città, in cui vive un quinto dei turchi, è la conferma della strada che sta seguendo il Paese. Alle elezioni amministrative, infatti, erano già passate all’opposizione anche Ankara e altre importanti località dell’Egeo e della costa mediterranea. 

“Oggi abbiamo chiuso una vecchia pagina e ne abbiamo aperto una nuova. Lavorerò senza escludere nessuno”, ha promesso Imamoglu. “L’ora della democrazia si era purtroppo interrotta il 31 marzo, ma adesso è ripartita”. (Fonti: Hurriyet, Bbc)