Turchia: il Pkk vuole la guerra dopo la morte dei curdi

Pubblicato il 30 Dicembre 2011 9:09 | Ultimo aggiornamento: 30 Dicembre 2011 9:14

ANKARA – Il partito indipendentista curdo (Pkk) ha chiamato alla lotta dopo la morte di 35 civili curdi in un raid compiuto ieri dall'esercito turco al confine con l'Iraq nel quale sono morte 35 persone.

"Rivolgiamo un appello al popolo del Kurdistan, in particolare quello di Hakkari e Sirnak, a reagire contro questo massacro e a chiederne conto ai suoi autori", ha dichiarato in un documento Bahoz Erdal, uno dei leader del braccio armato del Pkk, l'Hpg.

Ieri qualche ora dopo il raid il parttito di governo turco, l'Akp, si era scusato ipotizzando un possibile errore. L'esercito turco, secondo le autorita', avrebbe scambiato i 35 civili, che probabilmente erano contrabbandieri, per ribelli del Pkk.

Gli indipendentisti curdi sono considerati terroristi da Ankara ma anche da Ue, Usa e altri Paesi.