Ucraina, Nato pronta ad inviare 5mila militari. Putin mobilita i riservisti

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 febbraio 2015 16:53 | Ultimo aggiornamento: 5 febbraio 2015 16:54
Nato pronta ad inviare 5mila militari. Putin mobilita i riservisti

Il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg (Foto Lapresse)

KIEV – La Nato è pronta ad inviare 5mila militari in Ucraina orientale, a fronteggiare gli indipendentisti filorussi. E il presidente russo, Vladimir Putin, mobilita i riservisti.

Il segretario generale del Patto Atlantico, Jens Stoltenberg, ha spiegato che si tratterà del più sostanzioso rafforzamento della difesa collettiva dell’Alleanza dalla fine della Guerra Fredda. Anche gli Stati Uniti stanno valutando se inviare armi per sostenere l’esercito di Kiev contro i ribelli filorussi, ma il generale Philip Breedlove, comandante supremo delle forze alleate, ha messo in guardia Washington: una fornitura diretta di armi all’Ucraina “potrebbe far scattare una reazione più dura da parte della Russia”.

Nella zona di confine potrebbero presto arrivare anche i caschi blu delle Nazioni Unite. In questo caso i separatisti del Donbass hanno fatto sapere di non avere nulla in contrario, a patto però che sia rispettato il cessate il fuoco.

5 x 1000

La mobilitazione dei riservisti da parte di Putin non sarebbe di per sé una novità: avviene ogni anno. La coincidenza di quest’anno, però, ovviamente ha fatto parlare. Proprio Putin ospiterà a Mosca venerdì 6 febbraio un summit con la cancelliera tedesca Angela Merkel e il presidente francese Francois Hollande per discutere della situazione in Ucraina orientale. Convitato di pietra, il segretario di Stato americano, John Kerry, che ha ha fatto sapere che non sarà a Mosca.