Usa 2020, Joe Biden a Trump: “Non distruggerai la mia famiglia, abusi della presidenza”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 Ottobre 2019 9:04 | Ultimo aggiornamento: 6 Ottobre 2019 10:04
Joe Biden attacco Trump Usa 2020

Joe Biden (Foto archivio ANSA)

WASHINGTON – Donald Trump ha lanciato una vera e propria campagna denigratoria contro il suo sfidante democratico alle prossime elezioni presidenziali del 2020 negli Stati Uniti. 

Da giorni il presidente Usa chiede di indagare Joe Biden e la sua famiglia, lanciando appelli all’Ucraina e anche alla Cina. Biden però ora risponde dal Washington Post: “Non distruggerai la mia famiglia, abusi della presidenza ma nel 2020 te le suonerò di santa ragione”.

Il candidato democratico per la Casa Bianca ha lanciato il suo durissimo attacco in un editoriale sul noto quotidiano, in cui accusa Trump di usare “la carica più alta del Paese per avanzare i suoi interessi politici personali” minando la sicurezza del Paese e di considerare la presidenza un “lasciapassare per fare ciò che vuole, senza doverne rendere minimamente conto”.

In un passaggio Biden aggiunge: “Sappi che non me ne andrò, non distruggerai me e la mia famiglia, e nel novembre 2020 intendo suonartele di santa ragione. Quando è troppo è troppo”. Lo sfidante di Trump gli contesta di aver abusato della politica estera Usa “nel tentativo di trarre favori politici da vari Paesi”, chiedendo “direttamente a tre governi stranieri di interferire nelle elezioni americane, compresa la Russia, uno dei nostri maggiori avversari, e la Cina, il nostro competitore più vicino”.

E prosegue: “Ha corrotto le agenzie della sua amministrazione, incluso il Dipartimento di Stato, lo staff del consiglio nazionale per la sicurezza, il Dipartimento di Giustizia e l’ufficio del vicepresidente, per i suoi scopi politici. Sappiamo anche che persone intorno a lui alla Casa Bianca hanno riconosciuto quanto profondamente fosse sbagliato e hanno fatto gli straordinari per coprire gli abusi di Trump”.

Per fortuna qualcuno ha avuto il coraggio di denunciare”, conclude, riferendosi alla talpa che denunciando la telefonata del tycoon al presidente ucraino per far indagare i Biden, che ha fatto scattare l’indagine di impeachment. (Fonte ANSA)