Usa. Allarme attacchi di Al Qaeda a piccoli aerei per anniversario Torri Gemelle

Pubblicato il 4 Settembre 2011 12:35 | Ultimo aggiornamento: 4 Settembre 2011 13:10

Piccoli aerei come questo nel mirino di Al Qaeda

WASHINGTON, STATI UNITI – L’Fbi e l’Ente per la Sicurezza Nazionale, a pochi giorni dal decimo anniversario dell’attaco alle Torri Gemelle, avvenuto l’11 settembre 2001, hanno avvertito con un comunicato tutta la popolazione degli Stati Uniti che Al Qaeda potrebbe attaccare piccoli aerei in volo, a quanto riferisce l’Associated Press.

Le autorità competenti hanno precisato di non avere prove concrete di attacchi terroristici in preparazione, ma come misura precauzionale hanno aumentato e intensificato le misure di sicurezza in tutto il Paese.

Secondo il comunicato, qualche mese fa Al Qaeda stava considerando la possibilità di colpire aerei con altri aerei privati presi in affitto e imbottiti di esplosivi. Afferma il comunicato: ”Al Qaeda e i suoi affiliati sono interessati ad ottenere addestramento aeronautico, in special modo per piccoli aerei, ed a reclutare istruttori occidentali vicini all’organizzazione terroristica per l’addestramento che si svolgerebbe in Europa o negli Stati Uniti”.

Le misure di sicurezza aeronautica sono molto più strette e diffuse rispetto a dieci anni fa, ma Al Qaeda resta intenzionata a lanciare attacchi contro aerei in volo, anche di grandi dimensioni, nella convinzione che attacchi massicci con un alto numero di vittime sarebbero ampiamente riferiti dai media con grande impatto sull’opinione pubblica.

Le minacce di distruggere in volo piccoli aerei non sono una novità. Dopo l’attentato alle Torri Gemelle, il governo ha bloccato l’attività di migliaia di aerei per l’irrorazione delle coltivazioni nel timore che i terroristi potessero impadronirsene per usarli come bombe volanti.

Nel 2002 le autorità resero noto di aver scoperto un complotto di Al Qaeda per usare un piccolo aereo come kamikaze contro una nave da guerra americana nel Golfo Persico. E nel 2003 ne fu scoperto un altro per far precipitare un piccolo aereo pieno di esplosivi sul consolato americano a Karachi.