Usa-Cina. Accordo per regole di comportamento contro il cyber-spionaggio

Pubblicato il 5 Giugno 2013 17:46 | Ultimo aggiornamento: 5 Giugno 2013 17:46
xi

Il presidente cinese Xi Jinping

WASHINGTON, STATI UNITI – Stati Uniti e Cina hanno raggiunto un accordo per tenere riunioni regolari ad alto livello per stabilire regole di comportamento contro il cyber-spionaggio e lo spionaggio commerciale, a partire dal prossimo luglio. Lo riferisce il New York Times, notando che si tratta del primo sforzo diplomatico per allentare la tensione dopo l’aumento delle denunce da parte di Washington di continui e pressoche’ quotidiani attacchi ai sistemi informatici di aziende e istituzioni federali e finanziarie Usa, in arrivo prevalentemente dalla Cina.

Venerdi’ il presidente americano Barack Obama si incontrera’ in California con il presidente cinese Xi Jinping, e di certo l’argomento sara’ uno temi piu’ pressanti in agenda. Secondo quanto scrive il Nyt, alti funzionari Usa non si aspettano immediati progressi sulla questione dalle riunioni che inizieranno a luglio, tuttavia, allo stesso tempo, affermano la necessita’ di avviare un processo per giungere ad alcune ”norme e regole”.

Il capo del Pentagono, Chuck Hagel, in missione in Asia, è tornato a sferzare la Cina su questa questione. Nel corso dell’annuale conferenza sulla sicurezza nota come ‘Shangri La Dialogue’ a Singapore, Hagel aveva detto che molte delle intrusioni informatiche nei computer della difesa, delle industrie e istituzioni finanziarie americane ”sembrano essere collegate al governo e alle forze armate cinesi”. Ma allo stesso tempo, Hagel ha affermato che gli Usa sono ”determinati a lavorare vigorosamente con la Cina e altri partner per stabilire norme internazionali per un comportamento responsabile nel cyber-spazio”.