Usa, elezioni. Dopo la sua convention Obama avanza su Romney nei sondaggi

Pubblicato il 9 settembre 2012 12:11 | Ultimo aggiornamento: 9 settembre 2012 12:14

Il presidente Obama e Mitt Romney

WASHINGTON, STATI UNITI -La partita delle Convention, seppur di misura, sembra vinta dal presidente Barack Obama. Gli ultimi sondaggi danno infatti il presidente uscente in testa dai tre ai quattro punti, anche se la situazione resta in bilico in molti Stati chiave, a partire dalla Florida. Obama – impegnato nel weekend in un “bus tour” proprio nel Sunshine State – a Charlotte ha comunque compiuto il sorpasso sul rivale repubblicano Mitt Romney, che dopo la kermesse del Grand Old Party a Tampa appariva in leggero vantaggio.

La battaglia tra i due, a meno di due mesi dall’Election Day del 6 novembre, e’ oramai senza respiro e senza esclusione di colpi. E viene combattuta negli Stati in cui l’esito del voto e’ ancora incerto, i cosiddetti ”swing state”. Di fatto, si affilano le armi in vista dei tre dibattiti televisivi che i due candidati avranno in ottobre: un momento cruciale per orientare la grossa fetta di elettori ancora indecisi.

Il botta e risposta da uno Stato all’altro si fa sempre piu’ aspra. ”La recessione che abbiamo vissuto e’ una tragedia dalla quale non ci siamo ancora pienamente ripresi. Ma l’America non e’ in declino”, ha insistito Obama in Florida, stato che vale 29 grandi elettori e in cui i due candidati sono praticamente appaiati. Chi lo conquistera’ avra’ grandi chance di conquistare la Casa Bianca.

Ma gli ultimi, deludenti dati sull’occupazione non aiutano il presidente. E Romney, che a caldo aveva parlato di ”tragedia nazionale”, torna all’assalto dalla Virginia, altro ”swing state” da 13 grandi elettori: ”L’America non merita tutto questo”, accusa, parlando della situazione del mondo del lavoro. Per il candidato repubblicano, quelle di Obama sono solo ”promesse riciclate” che lo rendono inadeguato a restare altri quattro anni alla Casa Bianca: ”Io quando faccio promesse le faccio per mantenerle”, ha detto l’ex governatore del Massachusetts.

L’economia, insomma. e’ tornata al centro della campagna elettorale. Anche per la scelta di Obama di affrontare senza paure l’argomento e di non nascondere le difficolta’ che l’economia ancora incontra. Il presidente, avanti anche dei sondaggi, va avanti per la sua strada. E parlando alle famiglie americane nel tradizionale messaggio del sabato, ricorda le vittime degli attentati dell’11 settembre 2001, rivendicando i risultati ottenuti sul fronte della lotta ad Al Qaeda: ”L’America oggi e’ piu’ forte, piu’ sicura e piu’ rispettata”.

Anche questa una risposta chiara a chi lo accusa di debolezza e mancanza di leadership, pure sul fronte della politica estera. Romney lo accusa di essere cedevole nel contrastare il terrorismo e troppo accondiscendente con Iran, Russia e Cina. La battaglia proseguira’ la prossima settimana, quando il presidente partira’ per un altro degli Stati-chiave, il Colorado, per una due giorni di intensa campagna elettorale. E l’11 settembre, insieme alla moglie Michelle, sara’ al Pentagono, in visita al memoriale che ricorda le vittime degli attentati di 11 anni fa.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other