Usa, elezioni. Ora tocca a Joe Biden riscattare la figuraccia di Obama

Pubblicato il 6 ottobre 2012 11:18 | Ultimo aggiornamento: 6 ottobre 2012 11:18

Joe Biden e Paul Ryan

WASHINGTON, STATI UNITI – Dopo la scoraggiante prestazione del presidente Barack Obama nel primo dibattito presidenziale, la palla passa ora al suo vice Joe Biden, che l’11 ottobre si confrontera’ con Paul Ryan, il numero due del candidato repubblicano Mitt Romney.

Due stili completamente diversi, non solo per la differenza di eta’ tra i due, ma soprattutto per il fatto che Biden e’ uno storico liberal, mentre Ryan e’ vicino ai conservatori del Tea Party.

L’obiettivo del vice di Obama durante la sfida della prossima settimana e’ quello di essere accurato ed evitare errori. ”Non voglio dire nulla che non sia assolutamente preciso”, ha dichiarato, aggiungendo: ”Staro’ attentissimo a dire solo cose vere e a non accettare falsita’ dal mio rivale”. Biden ha 70 anni e Ryan 42.

A giudizio di Biden, contrariamente alle valutazioni generali, Obama non ha fallito il primo dibattito: ”Si è comportato in maniera presidenziale”, ha spiegato, dicendo che non vede l’ora arrivi il suo turno giovedi’.

Il dibattito tra i due aspiranti alla vice-presidenza, che si svolgerà al Centre College di Dansville, Kentucky, a giudizio di certi osservatori sarà quello più importante rispetto a quelli presidenziali.

Il motivo è che la grande differenza tra il programma politico di Ryan, come definito nel suo bilancio preventivo, e l’intelligente strategia di investimenti di Biden e del suo consulente economico Jared Bernstein, si scontreranno nel loro dibattito con argomenti assai più duri di quelli affrontati nel dibattito tra Obama e Romney.