Usa. Shutdown influenza anche la politica estera: Obama rinuncia a giro asiatico

Pubblicato il 4 ottobre 2013 14:43 | Ultimo aggiornamento: 4 ottobre 2013 14:43
Una riunione APEC

Una riunione APEC

Washington, Stati Uniti – Anche la politica estera degli Stati Uniti risente dello shutdown che li ha praticamente messi in ginochio. E’ infatti addio definitivo alla missione di Barack Obama in Asia. Dopo aver cancellato giorni fa le visite in Malesia e nelle Filippine, per colpa dello shutdown, il presidente americano ha deciso che non partecipera’ nemmeno al vertice Apec (Asia Pacific Economic Cooperation) in programma a Bali, ne’ fara visita al Brunei.

Il viaggio era importante nella misura in cui doveva far sentire, al Vertice Apec, nuovamente la presenza americana nel Pacifico per arginare sia il bellicismo della Corea del Nord con i suoi missili, sia l’ifluenza sempre maggiore nell’area del gigante cinese.

Scondo il programma originario, Obama sarebbe dovuto partire sabato e stare fuori dagli States una settimana. Ma evidentemente la trattativa per ‘riaprire’ lo Stato Federale, e soprattutto quella per innalzare il tetto del debito, ha costretto Obama a restare a Washington.