Siria. Scontro politico al Congresso potrebbe pregiudicare ripresa economica Usa

Pubblicato il 6 settembre 2013 16:36 | Ultimo aggiornamento: 6 settembre 2013 16:36
Il Congresso degli Stati Uniti

Il Congresso degli Stati Uniti

WASHINGTON, STATI UNITI – Lo scontro politico al Congresso sulla Siria potrebbe avere conseguenze gravi sulla ripresa economica che sta lentamente rilanciando gli Stati Uniti. Lo scrive Politico.com osservando come il dibattito parlamentare che si annuncia a dir poco lacerante sul via libera ai raid di Obama potrebbe creare un clima di caos e di contrapposizione frontale tra democratici e repubblicani, allontanando cosi’ ogni ipotesi di accordo bipartisan su importanti dossier di finanza pubblica.

”Il mercato dell’auto sta riprendendo, la disoccupazione continua a scendere, gli Usa sembrano vicini a un periodo di crescita piu’ forte. Ma ancora una volta – scrive Politico.com – le crisi politiche di Washington potrebbero far saltare tutto in aria. L’ultimo esempio e’ offerto dalla durissima battaglia sui missili contro Assad”. Insomma, secondo questa analisi, il voto sulla Siria, a maggior ragione se dovesse andare male a Obama, provocherebbe una totale incomunicabilita’ politica da escludere ogni intesa utile al Paese.

Il Congresso, per Obama, sarebbe un incubo continuo. A quel punto, l’America sarebbe vicina al tanto temuto ‘shutdown’, la ‘chiusura’ del governo e per la Casa Bianca diventerebbe molto difficile gestire autonomamente le misure necessarie per risanare il debito. Uno scenario da brividi per l’economia Usa e quindi di riflesso per l’economia mondiale proprio mentre si vedevano alcuni timidi segnali di uscita dalla crisi di questi anni.