Vaticano: Ruini “su”, Bertone “giù”. Ecco il “gradimento” del Papa

Pubblicato il 24 Dicembre 2010 16:50 | Ultimo aggiornamento: 24 Dicembre 2010 16:50

Tarcisio Bertone sempre più all’angolo nelle stanze vaticane? Un retroscena pubblicato da Repubblica parla del cardinale come un “segretario di Stato commissariato”.

Secondo quanto riferito nel pezzo, qualcosa si sarebbe spezzato tra il cardinale genovese e il Papa Benedetto XVI. Il pontefice avrebbe in compenso stretto un “legame particolare” con il cardinale Camillo Ruini (ex presidente della Cei) e con l’ex segretario di Stato Angelo Sodano.

Secondo l’autore dell’articolo, Ruini avrebbe ottenuto già dei “favori” dalle autorità vaticane proprio per i buoni uffici col Papa: “L’ex capo della Cei, oltre al pieno ritorno di Boffo nel mondo dei media “vescovili”, con il consenso del Papa, ha ottenuto che il suo vicegerente a Roma, il vescovo Nosiglia, fosse nominato arcivescovo di Torino, contro una rosa di ben tre nomi proposta da Bertone senza esito. Il  X Forum del Progetto Culturale della CEI sui 150 anni dell’Unità d’Italia, poi, si è conclusosi con un intervento pubblico del cardinal Ruini trasmesso in diretta dalla Radio Vaticana”.

Inoltre, “l’ex presidente della Cei è stato nominato direttamente dal Papa presidente della Fondazione Ratzinger, mentre sono attese le sue conclusioni sulle apparizioni della Madonna a Medjugorie”.

Sullo stesso argomento, invece, Bertone aveva preso le distanze: “Quelle stesse apparizioni bollate nel 2005 da Bertone, allora arcivescovo di Genova, come “fanatismo di massa”.

In particolare alle massime istituzioni della Chiesa non andrebbero a genio alcune aperture di Bertone in merito a temi cari alla Curia: “Si rimprovera a Bertone, che ricopre anche l’incarico di Camerlengo di Santa Romana Chiesa, la scarsa gestione della Chiesa universale e la disinvoltura di alcuni suoi interventi”.