Venezuela, Chavez rilancia agli Usa: “Oliver Stone o Sean Penn come ambasciatore a Caracas”

Pubblicato il 5 Gennaio 2011 14:06 | Ultimo aggiornamento: 5 Gennaio 2011 14:51

Hugo Chavez

Dopo la crisi diplomatica dei giorni scorsi sulla nomina del prossimo ambasciatore Usa a Caracas, Hugo Chavez prova ad abbassare i toni: il presidente venezuelano ha infatti detto di sperare nella designazione del regista Oliver Stone oppure dell’attore Sean Penn, che hanno più volte visitato il Venezuela e manifestato la propria simpatia nei confronti della ‘revolucion bolivariana’.

”Spero che designino Stone. Suggerirò un candidato… Sean Penn. Abbiamo molti amici” negli Stati Uniti, per esempio ”Noam Chomsky” (il linguista americano), oppure ”Bill Clinton!”, ha detto scherzando Chavez, in alcune dichiarazioni alla tv locale.

Come già successo tante volte negli ultimi anni, Washington e Caracas sono di nuovo ai ferri corti. Gli Stati Uniti hanno infatti ritirato il visto dell’ambasciatore venezuelano negli Usa, Bernardo Alvarez, quale risposta al rifiuto manifestato da Chavez della designazione del nuovo ambasciatore a Caracas, Larry Palmer, il quale aveva nelle scorse settimane criticato il governo venezuelano.

Chavez ha d’altro lato sottolineato che Washington ha fatto marcia indietro sulla designazione di Palmer: ”Devo riconoscere la rettifica degli Stati Uniti, ma non dobbiamo pensare che ciò sia una segnale di debolezza degli Usa: hanno i loro interessi, noi i nostri, dobbiamo dare a quella decisione la giusta dimensione”, ha commentato il presidente venezuelano, che sabato ha visto a Brasilia la segretaria di Stato Hillary Clinton in un ricevimento organizzato durante l’insediamento della nuova presidente brasiliana, Dilma Rousseff.

[gmap]