Virginia e Kentucky ai democratici. Trump, colpo alla rielezione

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 Novembre 2019 9:08 | Ultimo aggiornamento: 6 Novembre 2019 11:02
Usa, election day amaro per Trump

Il presidente Usa Donald Trump (Ansa)

ROMA – Se i risultati ancora non ufficiali saranno confermati, Donald Trump sarà destinato a perdere due elezioni su tre nel Super Tuesday di ieri, che rappresenta per lui un primo test in vista del voto per la Casa Bianca, sullo sfondo dell’indagine di impeachment. In Virginia i democratici ora esprimono il governatore dello Stato e controllano le camere. In Kentucky la sconfitta più bruciante per Trump dove si era imposto con un distacco abissale sulla Clinton.  

Kentucky amaro per Trump

In Kentucky, benché il risultato tra i due contendenti sia troppo ravvicinato per dichiarare ufficialmente il vincitore, il candidato dem Andy Beshear ha rivendicato il successo contro il governatore repubblicano uscente Matt Bevin col 49,2% dei voti contro il 48,9%(100% delle schede scrutinate). Bevin non ha concesso la vittoria ma, se l’esito fosse confermato, sarebbe una brutta scivolata per il tycoon, in uno Stato dove aveva vinto con un vantaggio del 30% contro Hillary e dove lunedì aveva tenuto il suo ultimo comizio proprio a sostegno del candidato repubblicano. Lunedì in Kentucky, Trump aveva esortato a rieleggere Bevin, altrimenti “sarò accusato di aver incassato la peggiore sconfitta della storia del mondo”, aveva anticipato.

Virginia, trionfo storico dem

Per i dem è invece trionfo sicuro e per certi versi storico in Virginia, dove hanno riconquistato l’intero parlamento dopo oltre 20 anni. Il Grand Old Party aveva una maggioranza risicata in questo Stato dove il tycoon comunque perse nel 2016 di 5 punti percentuali contro la Clinton. Ghazala Hashmi, democratica, è la prima donna musulmana eletta nel Senato della Virginia. Dal 2018 lo Stato è guidato dal governatore dem Ralph Northam. 

In Mississippi vince il governatore repubblicano

Trump può leccarsi le ferite in Mississippi, dove con il 93% delle schede scrutinate per l’elezione del governatore il candidato repubblicano Tate Reeves resta saldamente in testa davanti al rivale dem, l’attorney general Jim Hood (anti abortista e pro armi), con il 52,7% contro il 46%. Una proiezione della Cnn lo dà già per vincitore e Trump, che lo aveva sostenuto in un comizio venerdì scorso, gli ha già fatto le congratulazioni via Twitter. Un successo che consente al Grand Old Party di mantenere questa carica in uno stato che nel 2016 Donald Trump vinse con il 17% di scarto su Hillary. (fonte Ansa)