Wang Xiaolu, confessione tv estorta: Crollo Borse colpa mia

di Redazione Blitz
Pubblicato il 1 Settembre 2015 9:53 | Ultimo aggiornamento: 1 Settembre 2015 9:53
Wang Xiaolu, confessione tv estorta: Crollo Borsa colpa mia

Wang Xiaolu, confessione tv estorta: Crollo Borsa colpa mia

ROMA – Un giornalista economico arrestato in Cina ha “confessato” il suo “sbaglio” davanti alle telecamere della televisione di Stato, seguendo una routine diventata abituale negli ultimi tre anni. Wang Xiaolu, uno stimato analista della rivista Caijing, specializzata in inchieste scomode sull’economia cinese, si è scusato per aver provocato “panico e paura” tra gli investitori.

Wang ha confermato le accuse che gli sono state rivolte, cioè di aver pubblicato un articolo “irresponsabile”, che avrebbe contribuito al crollo delle Borse di Shanghai e Shenzhen in luglio. L’agenzia Nuova Cina ha annunciato oggi che 197 persone “responsabili” del crollo delle quotazioni azionarie delle principali società cinesi sono state “punite” dalle autorità.

Oltre a Wang Xiaolu tra loro ci sono alcuni importanti dirigenti di compagnie finanziarie come Xu Gang, direttore della società di brokeraggio Citic Securities, l’ex-dirigente della China Securities Regulatory Commission (Csrc, l’organismo addetto al controllo della Borsa) Ouyang Jiansheng.