Wikileaks, Assange: “L’amministrazione Obama è un regime”

Pubblicato il 29 novembre 2010 14:09 | Ultimo aggiornamento: 29 novembre 2010 14:54

Julian Assange

L’amministrazione Obama, un ”regime che non crede nella libertà di stampa”, ha perseguitato i media più di quanto non abbiano fatto i predecessori: è quanto ha affermato Julian Assange, fondatore di Wikileaks, nel video-intervento di ieri, 28 novembre, ad Amman in Giordania, nella giornata conclusiva della terza conferenza annuale sul giornalismo investigativo arabo.

”C’è stata più persecuzione contro i media sotto l’amministrazione Obama che con tutti gli altri presidenti (Usa) messi assieme”, ha detto Assange in un’intervento video trascritto oggi dall’Arab Reporters for Investigative Journalism, organizzatore dell’evento giordano.

”Si tratta di una estremamente preoccupante trasformazione dell’amministrazione Obama in un regime che non crede nella libertà di stampa”, ha aggiunto il fondatore di Wikileaks. Il network ”che abbiamo messo in piedi è riuscito a resistere unito contro le significative pressioni del governo degli Stati Uniti”, ha aggiunto l’australiano.

5 x 1000