Wikileaks, La Russa: “Rivelazioni? No, solo solo gossip scadente”

Pubblicato il 29 Novembre 2010 8:46 | Ultimo aggiornamento: 29 Novembre 2010 8:56

Il ministro della Difesa, Ignazio La Russa

”Ci sono ancora tantissime notizie non note, ma quelle uscite non mi sembrano stravolgenti”. Così il ministro della Difesa Ignazio La Russa commenta in un’intervista al Corriere della Sera le rivelazioni di Wikileaks.

Il ministro spiega di non essere ”particolarmente preoccupato”: ”Si tratta – dice – di informazioni che dovevano rimanere riservate, probabilmente sono frutto di un’azione illegale, e, con mia sorpresa, sembrano uscire da giornaletti specializzati nei gossip. O per questa natura scadente o perché sono frutto di informazioni destinate a essere riservate credo che non dovremmo annettere a questa fuga un’eccessiva importanza”.

Ciò che conta, sottolinea, ”è che i rapporti tra noi e l’America sono ottimi”. ”Che Berlusconi sia l’artefice del primo incontro tra Russia e Stati Uniti e che abbia difeso, nelle sedi importanti, il buon diritto della Russia a essere ascoltata – aggiunge – senza mai venire meno ai propri impegni con gli Stati Uniti, non ce lo deve certo spiegare Wikileaks: basta ascoltare qualsiasi diplomatico”.

”Qui ci si butta sull’ovvio, sul banale – afferma il coordinatore del Pdl -. Mi riferisco, per esempio, a quella secondo cui Berlusconi appare stanco perché va a letto tardi: siamo al ridicolo”.

Per il ministro comunque queste rivelazioni sono destinate a ”cambiare” il ”sistema di relazioni diplomatiche”, con gli stessi diplomatici che ”dovranno essere più attenti, più riflessivi e anche più prudenti nei loro rapporti”.