Wikileaks e i siti “mirror”: “Ci volete spegnere? Saremo più forti”

Pubblicato il 5 Dicembre 2010 8:41 | Ultimo aggiornamento: 5 Dicembre 2010 12:45

Infuria sul web la corsa al sostegno a Wikileaks, con decine di siti ‘mirror’ (specchio) di quello fondato da Julian Assange che garantiscono accesso ai file della diplomazia Usa al centro di un caso internazionale.

“Wikileaks ‘colpisce ancora’. Spegneteci e più forti diventiamo”, si legge in un tweet di Wikileaks che rimanda a una chiave di ricerca #imwikileaks per trovare gli ‘specchi’, e che chiaramente evoca la terminologia cara ai Jedi di “Guerre Stellari”, la celebre saga di Steven Spielberg e George Lucas.

Il “codice Jedi” ha ispirato anche decine di comunità hacker, i cosiddetti “buoni”, che rivendicano di rivelare buchi nei sistemi di sicurezza informatici perché questi siano riparati, e non per trarne vantaggi personali.

L’Impero Colpisce Ancora” (The Empire strikes back, il tweet del sito di Assange è: “Wikileaks strikes back”) è uno tra i pi§ popolari tra i sei film della serie Guerre Stellari. La pellicola è la seconda della serie di sei film, uscita nel 1980.

In un sondaggio del 2005, realizzato da Zogby, risultò essere il più amato della saga. Al secondo posto il primo film della serie (“Una Nuova Speranza”), poi la “La Vendetta dei Sith”, “Il Ritorno dello Jedi”, “La Minaccia Fantasma” e “L’Attacco dei Cloni”.

I ‘mirror’ (specchi) del sito diffondono l’accesso ai file di Wikileaks a livello mondiale, con una propagazione tale da rendere molto difficili gli attacchi di tipo informatico tesi a “oscurare” il sito, almeno di quelli conosciuti fino a ora.