Air Berlin, carrello bloccato: panico a bordo

di redazione Blitz
Pubblicato il 23 Settembre 2015 20:43 | Ultimo aggiornamento: 23 Settembre 2015 20:44
Air Berlin, carrello bloccato: panico a bordo

Air Berlin, carrello bloccato: panico a bordo

ROMA – Il carrello non funziona e così il comandante comunica ai passeggeri che dovranno prepararsi a un atterraggio di emergenza. Attimi di puro panico sul volo Air Berlin decollato da Venezia alle 13,10 e atteso a Stoccarda alle 14,30. Lo racconta un testimone, intervistato dal Gazzettino:

«C’era chi pregava, chi piangeva, chi aveva lo sguardo fisso nel vuoto. Un’esperienza che non auguro a nessuno. Io? Paura ne ho avuta e tanta al pari dei colleghi e degli altri passeggeri. Solo quando abbiamo toccato terra e non senza sussulti, abbiamo ricominciato a respirare sentendoci quasi una sorta di miracolati». È la toccante testimonianza di Claudio Rossi, mestrino, componente del management del Gruppo Angeloni, l’azienda di Quarto d’Altino leader nel settore della ricerca e del commercio materiali compositi e dei prodotti vernicianti. Insieme ad altri quattro quadri, compresa la proprietà, ieri era sul volo della Air Berlin, decollato da Tessera alle 13.10 e atteso a Stoccarda per le 14.30: «Un viaggio di lavoro per partecipare a una delle fiere più importanti al mondo sul carbonio» spiega Rossi.

Al momento dell’atterraggio la doccia fredda. Il comandante annuncia che uno dei carrelli è bloccato e che non è possibile la manovra. Cominciano i giri a vuoto nel cielo della città tedesca per consumare il serbatoio e preparare in sicurezza l’eventuale atterraggio d’emergenza. «Il panico a bordo era tangibile nonostante le rassicurazioni del pilota, un italiano, che ha cercato in tutti i modi di non trasmetterci ansia o tensione. C’erano parecchi turisti tedeschi che erano a dir poco terrorizzati. L’agonia è durata oltre un’ora».