Aldo Grasso. Rudi Garcia da “Ferguson de Roma” a “re de ‘a gnocca”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 Marzo 2015 17:21 | Ultimo aggiornamento: 22 Marzo 2015 17:21
Aldo Grasso. Rudi Garcia da "Ferguson de Roma" a "re de 'a gnocca"

Aldo Grasso. Rudi Garcia da “Ferguson de Roma” a “re de ‘a gnocca”

ROMA – Aldo Grasso dice la sua sulla crisi della Roma. E lo fa puntando su Rudi Garcia, quell’allenatore che nella capitale l’anno scorso era una specie di profeta e quest’anno è considerato poco più che un brocco.

Sul Corriere della Sera Grasso mette insieme un po’ di quel che a Roma si dice e ne esce fuori un quadro desolante. I più cattivi di tutti sono ovviamente i tifosi. Quelli per cui, ricorda Grasso,

Rudi avrebbe dovuto essere «er Ferguson de Roma», per ora è solo «er re de ‘a gnocca».

La “gnocca”, metonimia non elegantissima per parlare di Francesca Brienza, la conduttrice di Roma Tv, il canale tematico della società giallorossa. Garcia ha una storia con lei, e non da oggi. Ma quando le cose vanno male anche questa diventa una “colpa”, almeno per alcuni tifosi della Roma. Scrive Grasso:

. I tifosi sono feroci, non perdonano nulla; la colpa più grande di cui si sarebbe macchiato l’allenatore francese è quella di pensare soprattutto a Francesca Brienza, la conduttrice di Roma Tv, il canale tematico della società giallorossa.

Altra questione è la “romanizzazione” di Garcia. Che si scrive romanizzazione e si legge rincoglionimento. Ancora Grasso:

La Roma precipita, il mercato è stato un fallimento e al tenente Garcia viene rinfacciata «l’italianizzazione» (si lamenta di tutto, sbaglia le formazioni, è diventato presuntuoso…), anche se era «italiano» pure lo scorso anno quando arringava le platee con «daje Roma» e, da venerato maestro, giocava «catenaccio e contropiede». Di più: gli viene rinfacciata «la romanizzazione» (laddove, ci viene spiegato, il verbo «romanizzarsi» sta per «rincoglionirsi»