Alexis Tsipras: “Alexit Tsipras, Alexis Troikas, Spinellopulos, comunistello…”

di Antonio Sansonetti
Pubblicato il 14 luglio 2015 18:51 | Ultimo aggiornamento: 14 luglio 2015 18:51

Alexis Tsipras: "Alexit Tsipras, Alexis Troikas, Spinellopulos, comunistello..."

Tsipras, Merkel, Hollande e Tusk riuniti a Bruxelles nella notte prima della firma dell’accordo


ROMA – Alexis Tsipras, “Alexit Tsipras”, “Alexis Troikas”, “Spinellopulos”, “comunistello”: anche il giorno dopo aver firmato l’accordo con l’Europa che potrebbe decretare la sua fine politica e nuovi anni di recessione per la Grecia, il premier greco continua ad ispirare la fantasia dei giornalisti italiani, soprattutto di quelli più entusiasti del suo fallimento. Un piccolo campionario, in cui la fa da protagonista il Foglio (fondato da Giuliano Ferrara, da pochi mesi diretto da Claudio Cerasa, dal 2011 proprietà di Paolo Berlusconi per il 38% e di Denis Verdini per il 15%).

Si va dai giochi di parole come “Alexit Tsipras” (Claudio Cerasa), “Alexis Troikas” (ancora Cerasa), a frasi come “Addio Spinellopulos. La coalizione di giovani cosmopoliti del cazzeggio” (Giuliano Ferrara). All’indomani del referendum sempre Ferrara lo aveva definito così: “Alexis Tsipras è un po’ Chávez (rammentandolo da vivo) e un po’ un primo della classe, ha l’aria dell’imbroglione che piace alle mamme, l’impostore di successo”.

Fuori dal Foglio si segnala Vittorio Feltri (Il Giornale): “Comunistello affetto da bullismo. Dopo essersi fatto eleggere dal popolo beota promettendogli mari e monti…”.