Anas, consiglio senza consiglieri. Si dimette Dondolini, scelto da Lupi

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 Marzo 2015 10:37 | Ultimo aggiornamento: 25 Marzo 2015 10:37
Il presidente dell’Anas, Pietro Ciucci

Il presidente dell’Anas, Pietro Ciucci

ROMA – “Nei suoi quasi nove anni al timone dell’Anas mai il presidente Pietro Ciucci ha dovuto affrontare simili marosi – scrive Sergio Rizzo del Corriere della Sera –  A metà gennaio le dimissioni del consigliere nominato dal ministero del Tesoro, Maria Cannata. Che alla domanda sui motivi della decisione se l’è cavata con un salomonico: Ho troppe cose da fare”.

L’articolo di Sergio Rizzo: La sua poltrona è vuota da un paio di mesi, e ieri si è svuotata anche quella del terzo consigliere di amministrazione Sergio Dondolini, direttore generale dei Trasporti. Anche lui, al pari di Maria Cannata, sostiene di essere talmente impegnato al ministero delle Infrastrutture da non poter sostenere un impegno tanto gravoso. Ancora più decisiva, nel suo caso, sembra tuttavia la circostanza di essere stato nominato appena lo scorso agosto dal ministro Maurizio Lupi: uscito di scena qualche giorno fa dopo la tempesta che si è abbattuta sul suo ex responsabile delle grandi opere Ercole Incalza. Più che sensato pensare che Dondolini abbia voluto mettere il proprio mandato a disposizione di chi oggi ricopre a interim quella carica, vale a dire il presidente del Consiglio Matteo Renzi. Chapeau !
Ma il fatto è che ora si viene a determinare una situazione nuova. Il consiglio dell’Anas è composto da tre persone, in maggioranza dipendenti dei ministeri. E con le dimissioni di due dei tre si dovrà convocare un’assemblea per sostituirli. Questo però avverrà soltanto dopo l’approvazione del bilancio: fino ad allora Dondolini dovrà restare in carica per garantire comunque il funzionamento del consiglio. Dopo non si possono escludere sorprese clamorose per lo stesso Ciucci. Oggi la sua posizione appare più debole di ieri (…)