Articolo 18, Cesare Damiano: “Renzi sbaglia, sto col modello tedesco”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 settembre 2014 12:27 | Ultimo aggiornamento: 18 settembre 2014 12:28
Cesare Damiano

Cesare Damiano (LaPresse)

ROMA – Cesare Damiano, presidente della commissione Lavoro della Camera, (fu ministro del Lavoro nel Governo Prodi, un passato di sindacalista Fiom della minoranza riformista), lancia, come scrive Giorgio Pogliotti sul Sole 24 Ore,

“il guanto di sfida al premier sul tema dei licenziamenti, in vista della direzione del Pd. Fa quadrato contro la cancellazione dell’articolo 18, pur aprendo alla sospensione temporanea della reintegra per favorire nuove assunzioni. Sollecita un chiarimento interno al Pd affinché si faccia chiarezza una volta per tutte sul contratto a tutele crescenti”

e dice,

“L’idea che sembra avere Matteo Renzi di cancellare l’articolo 18 non coincide con la mia. Alla direzione del Pd che sarà convocata a fine mese dovrà essere chiarita qual è la posizione del partito, ritengo sbagliato che in questo momento di massima disoccupazione si voglia lasciare la libertà di licenziare alle imprese. Si può andare allo scontro o cercare un compromesso. Da parte mia, sposo in toto il modello tedesco sui licenziamenti, fonte di ispirazione due anni fa delle modifiche all’articolo 18 del governo Monti”.

Come valuta l’emendamento salutato come una vittoria dal Nuovo centro destra?

Ncd dà le sue valutazioni, come sempre tirando la coperta dalla sua parte. Faccio notare che da Scelta civica l’onorevole Librandi sottolinea un’ambiguità di fondo dell’emendamento; può essere interpretato come un superamento dell’articolo 18 o come una sospensione temporanea. Io propendo per questa seconda interpretrazione. Con i decreti attuativi si capirà chi ha ragione, da parte nostra non ci sarà alcuna delega in bianco.

Il Pd proponeva di introdurre una nuova tipologia, il contratto di inserimento, mentre adesso si fa riferimento alle nuove assunzioni con contratto a tempo indeterminato, che è un’altra cosa.

Valuto positivamente questa novità rispetto alla proposta originaria del Pd, ma non c’è scritta l’abolizione dell’articolo 18, è un’interpretazione di parte, una bandierina.

Veramente anche nella proposta Pd l’articolo 18 viene soppresso, sia pure in modo temporaneo.

Per le nuove assunzioni, proponiamo una sospensione della tutela dell’articolo 18 per un periodo anche lungo di prova fino ad un massimo di tre anni. Eventualmente si può anche andare oltre, per non farlo coincidere con la durata del contratto a tempo determinato. Naturalmente il contratto per le nuove assunzioni deve prevedere un forte sconto fiscale, deve costare meno di tutti.

Presenterete emendamenti per chiarire cosa si intende per contratto a tutele crescenti?

È prematuro dirlo. Prima va definita la posizione del Pd. Meglio avere le idee chiare in partenza, piuttosto che avere sorprese all’arrivo.