Berlusconi e crisi di Governo: rifiuto tasse o fatti propri?

Pubblicato il 29 settembre 2013 11:57 | Ultimo aggiornamento: 29 settembre 2013 11:57
Berlusconi e crisi di Governo: rifiuto tasse o fatti propri?

Berlusconi. Il pirata in bandana ha rovesciato il tavolo

La crisi di Governo aperta da Berlusconi, che ha imposto ai suoi ministri di dimettersi, domina le prime pagine dei giornali italiani. Ovviamente le rappresentazioni variano secondo la collocazione politica. Qui c’è una scelta da alcune prime pagine:

Sole 24 Ore: “Il leader Pdl: fuori dall’esecutivo per non essere complici dell’aumento dell’Iva. Berlusconi fa dimettere i ministri. Letta: folle. Vuole coprire i suoi guai. Napolitano studia la via parlamentare, ma valuta tutte le ipotesi. Epifani: prepariamoci al voto, ma prima la riforma elettorale”. 

Corriere della Sera: “La spallata di Berlusconi apre la crisi Il Cavaliere e i falchi pdl fanno dimettere i ministri. Cicchitto contesta la decisione Dura nota di Letta: gesto folle per motivi personali. Subito la verifica alle Camere”.

Il Fatto: “Il condannato manda a picco l’Italia. Ma il Pdl si spacca e perfino Marina si dissocia”.

Libero: “Morto un Letta, ne fanno un altro. Berlusconi festeggia i suoi 77 anni con la crisi di governo: Alfano e gli altri lasciano per protestare contro le tasse. La farsa è finita ma il Quirinale e il premier tentano una difesa disperata e sperano nei berlusconiani scontenti”.

Messaggero: “”Berlusconi ritira iministri: è crisi: da Letta un ultimatum irricevibile. Divisioni nel Pdl. Il premier: gesto folle per motivi personali, voto in Parlamento. Napolitano apre sull’amnistia”

Giornale: “Le tasse di Letta fanno cadere il Governo. Forza Italia ha ritirato i ministri: «Elettori traditi sull’Iva». Sinistra e Quirinale spiazzati: si va verso nuove elezioni”.

La Stampa: Berlusconi incontra l’ala dura ad Arcore, poi lo strappo. Cicchitto: serviva una discussione più approfondita. Napolitano: chiarezza in Parlamento. Governo, è crisi. Letta: una follia. Berlusconi costringe i suoi ministri alle dimissioni: l’aumento dell’Iva è una grave violazione dei patti Il premier: rigira la frittata per motivi personali. L’ansia dell’Europa per i conti pubblici. Può tornare l’Imu”.

Repubblica: “Berlusconi dimette i suoi ministri, è crisi. Governo sul baratro. Decadenza [di Berlusconi], Berlusconi ricusala Giunta del Senato. Napolitano: serve amnistia per le carceri. Berlusconi rovescia il tavolo. Letta: bugiardo sull’Iva, gesto folle per motivi personali”.

Manifesto: “Il ricatto è servito”.