Bistecche sintetiche e uova vegetali: il menù del futuro

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 Marzo 2015 9:50 | Ultimo aggiornamento: 16 Marzo 2015 9:50
Bistecche sintetiche e uova vegetali: il menù del futuro

Bistecche sintetiche e uova vegetali: il menù del futuro

ROMA – “Speriamo di ottenere una ricetta per coltivare cellule di pollo” ha appena annunciato Shir Friedman, cofondatrice della Modern Agriculture Foundation, società non profit israeliana che si è data un anno di tempo per ottenere la prima scaloppina.

Scrive Elena Dusi di Repubblica:  Al lavoro, non tra i fornelli ma tra le provette, c’è Amit Gefen, 44 anni, professore di ingegneria biomedica all’università di Tel Aviv. Partendo da un campione di carne di pollo, estraendo le cellule staminali e facendole dividere, teoricamente si dovrebbe ottenere il piatto desiderato. L’impresa è riuscita dopo cinque anni e 250mila euro a Mark Post dell’università di Maastricht, che il 5 agosto 2013 ha servito il primo hamburger di manzo artificiale. I due critici gastronomici che l’hanno assaggiato (condito con zafferano e colorato con succo di barbabietola) l’hanno definito saporito, anche se un po’ stopposo. Ma scienziati e investitori che puntano sulla carne artificiale non hanno certo come obiettivo quello di ottenere un piatto gustoso. Si rendono conto che la popolazione della Terra supererà presto i 9 miliardi e che il consumo di carne raddoppierà tra il 2000 e il 2050. Secondo uno studio delle università di Oxford e Amsterdam, la carne artificiale genererà il 96% di gas serra in meno e consumerà tra l’82% e il 96% di acqua in meno. «In un futuro non troppo lontano torneremo indietro con la memoria e ci ricorderemo di quanta fatica costasse ottenere una fetta di carne» dice Shir Friedman (…) Il costo esorbitante è uno dei problemi. La moltiplicazione delle cellule in provetta non è ancora abbastanza efficiente. La carne artificiale contiene solo tessuto muscolare, non grasso e sangue, per questo è così dura e insipida. Ma soprattutto, per sostenere la divisione delle staminali è necessario aggiungere al brodo di coltura gelatinoso in cui la carne cresce sostanze nutritive che difficilmente passerebbero il test di un’autorità attenta alla salute. Mark Post prendeva questi fattori di crescita dai feti di vitello. Amit Gefen nei test preliminari usava sostanze isolate dalle cellule tumorali. Ingredienti decisamente indigesti per conquistare i palati del mondo.