Casaleggio intervistato da Marco Travaglio: “Se vinciamo io e Grillo ministri”

di redazione Blitz
Pubblicato il 21 Maggio 2014 8:53 | Ultimo aggiornamento: 21 Maggio 2014 8:53
Gianroberto Casaleggio (Foto Lapresse)

Gianroberto Casaleggio (Foto Lapresse)

ROMA – Gianroberto Casaleggio è pronto a fare il ministro. E a suo dire anche Beppe Grillo lo è. Lo dice Casaleggio stesso in una lunga intervista al Fatto Quotidiano, frutto di due ore di conversazione con il giornalista Marco Travaglio. Il giorno prima era stato Libero a parlare di Travaglio stesso come ministro in una ipotetica squadra di governo 5 Stelle.

Ma perché si parla di toto-governo? Le Europee sono alle porte e i 5 Stelle, in caso risultassero primo partito, non disdegnano l’ipotesi di usare il risultato per far dimettere Napolitano e Renzi in un colpo solo. E andare al governo.

Se Napolitano riuscirete a cacciarlo o si dimetterà, per voi il candidato sarà ancora Rodotà?
Lo chiederemo ancora alla Rete.
Lei ha promesso la squadra di governo di M5S prima delle elezioni politiche, scelta con le primarie online: quindi esclude la possibilità che entri qualche ministro esterno al Movimento?
Non lo escludo, dipende dalle figure della società civile che si proporranno.
Il vostro premier ideale è Luigi Di Maio?
Il nome non lo conosco. Lo voteranno gli iscritti. Sarà una persona onesta, competente e trasparente. Di Maio ha le stesse possibilità di altri, avendo dimostrato ottime capacità in Parlamento.
Lei il ministro lo farebbe?
Dipende dal Movimento, ma perché no? Dovendo scegliere, opterei per l’Innovazione.
E Grillo?
Bisogna chiedere a lui, io lo vedrei bene ministro.
Grillo dice che, se perdete le Europee, si ritira.
Non ci credo, non è il tipo. Lo dice ogni tanto, per stanchezza. Ma anche lui persegue l’obiettivo di portare i 5Stelle al governo. Poi magari si ritira un minuto dopo. Anche se lo fanno ministro…
Qual è l’asticella per parlare di vittoria del Movimento 5Stelle?
Un voto in più del Pd.
Quindi la sconfitta è un voto in meno del Pd?
Dipenderà da quanti avranno votato e dalla percentuale che avremo. Già oggi tutti gli ultimi sondaggi ci danno attorno alla percentuale delle politiche 2013, cioè al 25%. Anche con quella percentuale non potremmo certo dire di aver perso, altrimenti Berlusconi che dovrebbe dire? Confermare il dato di un anno fa sarebbe un consolidamento importante.

È solo propaganda psicologica, o lei crede veramente che arriverete davanti al Pd?
Ci credo veramente.

In un altro passaggio dell’intervista Casaleggio ricorda quando incontrò Grillo la prima volta:

Dieci anni fa Beppe lesse un mio libro, Web ergosum, dedicato allo sviluppo della Rete nella società. Mi chiamò e chiese di incontrarmi. Io l’avevo visto una sera al teatro Smeraldo: entrava sul palco vestito da Savonarola e spaccava i computer. E mi ero domandato: ma con tutta la roba che c’è da spaccare, proprio i computer? Quando lo incontrai, gli proposi di aprire un blog, che all’epoca era ancora una cosa per iniziati. Lui accettò e il blog partì nel gennaio 2005.
E quando avete deciso di passare dalla Rete alla politica?
Ce l’hanno imposto la Rete e l’opinione pubblica. Il primo V-Day, l’8 settembre 2007, scatenò un’ondata di email, lettere, messaggi che ci spingevano a entrare in politica.
Quanti post del blog sono suoi e quanti di Grillo?
Sono tutti nostri. Ci sentiamo sei-sette volte al giorno per concordarli, poi io o un mio collaboratore li scriviamo, lui li rilegge, e vanno in Rete.
In questi dieci anni avete litigato spesso?
Quasi mai.

Il rapporto con la tv:

Perché a un tratto avete cambiato rapporto con la tv? Prima era morta, ora lei va dalla Annunziata e Grillo da Vespa. Avevate preso una cantonata?
Nessuna cantonata. Penso che tv e giornali abbiano poco da vivere. Le prime sette emittenti italiane nel 2012 hanno perso 500 milioni di euro, quest’anno è possibile che scendano a 7-800 milioni: durano finché qualcuno le finanzia. La pubblicità sta emigrando altrove, prevalentemente in Rete. Nel medio e lungo termine la tv è condannata. Comunque la nostra repulsione non era verso la tv in quanto tale: quel che abbiamo cercato di evitare erano i talk show dove non è chiaro di che si parla e vince chi strilla di più. Infatti chiediamo di poter parlare di un tema preciso, con persone mediamente competenti, altrimenti decliniamo.
Ma Vespa è l’apoteosi del vecchio talk: perché non interpellare la Rete per questa svolta radicale?
Uno vale uno, o c’è uno che vale più di uno?
Non possiamo fare un referendum al giorno su ogni cosa che facciamo. Sulle cose importanti è giusto interpellare la Rete: come abbiamo appena fatto, con l’aiuto del professor Aldo Giannuli, votando la nostra legge elettorale che presenteremo a breve, prima delle Europee. L’hanno discussa e votata 100 mila persone. L’Italicum se lo son scritto Renzi e Berlusconi al Nazareno, di nascosto.

Le larghe intese e le Politiche 2013. Lo zampino degli Usa:

Al momento è facile prevedere che, se vinceremo le Europee con un buon margine, torneranno le larghe intese, anzi larghissime. Le intese extra-large. Contro di noi c’è un muro di Berlino che, anziché a Berlino, viene eretto fra Montecitorio e il Quirinale. Per questo, se vinciamo, chiediamo che se ne vadano sia Renzi sia Napolitano.
La storia di quei giorni è stata tutta scritta?
Chissà… c’è quell’invito all’ambasciata inglese a Roma. Era il 10 aprile 2013, una settimana prima delle presidenziali. Eravamo Grillo, io e due nostri collaboratori. L’ambasciatore ci chiese di incontrare Enrico Letta, allora vicesegretario Pd, che aspettava in un’altra stanza. Rifiutammo. Allora ci fecero salire al piano di sopra da una scala di servizio per pranzare con alcuni addetti dell’ambasciata, mentre l’ambasciatore pranzava al piano di sotto con Letta. A un certo punto l’ambasciatore o il suo braccio destro ci domandò: voi che ne pensate della rielezione di Napolitano? Poi, quando due settimane dopo ci trovammo Napolitano rieletto e Letta presidente del Consiglio, ci dicemmo che forse qualcosa non quadrava… È una prova della forte influenza che i governi stranieri hanno sulle scelte politiche italiane. Non certo solo la Germania. È una delle tante facce della nostra perdita totale di sovranità: quella territoriale la perdemmo nel ’45, quella monetaria con l’ingresso nell’euro, quella fiscale con il fiscal compact, quella politica negli ultimi anni. Per andare al governo dovremo vincere le Politiche in almeno tre paesi del mondo…

L’euro:

Sull’uscita dall’euro siete molto più prudenti.
L’euro è solo una risultante. Noi non siamo contro l’euro, ma contro l’applicazione attuale delle politiche economiche e finanziarie comunitarie. Per le Europee abbiamo un programma in sette punti: sarà scarno, ma siamo gli unici ad averne uno. I punti fondamentali sono gli eurobond e la revisione del fiscalcompact, che ci costringerebbe a tagliare 40 miliardi di spesa pubblica all’anno per 20 anni. Inattuabile. Ciò detto, dobbiamo ridurre gli sprechi di spesa pubblica e attingere ai grandi giacimenti dell’evasione e della corruzione.

La Rai:

Con la Rai che volete fare?
Un’istituzione totalmente separata dai partiti, con regole e organismi non collegati alla politica, perché sia autonoma ma riprenda anche a svilupparsi e a fare innovazione. La Rai non è né cattiva né buona: è la longa manus dei partiti. I quali, oltre a farsi campagna elettorale con i rimborsi elettorali, usano la Rai per farsi propaganda gratis.