Clint Eastwood vuole fare un film sul pilota eroe che ammarò sull’Hudson

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 Giugno 2015 13:35 | Ultimo aggiornamento: 4 Giugno 2015 13:35
Clint Eastwood vuole fare un film sul pilota eroe che ammarò sull'Hudson

Clint Eastwood vuole fare un film sul pilota eroe che ammarò sull’Hudson

ROMA – Clint Eastwood torna a dirigere un film, stavolta su un eroe contemporaneo. Il prossimo film del regista sarà incentrato su un pilota americano che nel 2009 riuscì ad evitare un disastro aereo ammarando sul fiume Hudson a New York. Ne parla Il Secolo XIX:

Clint Eastwood punta le telecamere su un altro eroe della vita reale. Il veterano del cinema Usa vuole fare un film sul capitano Chesley “Sully” Sullenberger, protagonista di un rischioso ma eroico atterraggio. Sullenberger era al comando dell’aereo del volo Us Airways 1549, che nel gennaio 2009 a causa di un guasto fu costretto ad ammarare sul fiume Hudson. La capacità e il sangue freddo di Sullenberger salvarono tutti i passeggeri. L’aereo era appena decollato dall’aeroporto La Guardia di New York, quando entrambi i motori furono messi ko da uno stormo di anatre. Il pilota capì immediatamente che tornare allo scalo sarebbe stato impossibile, così decise di tentare l’ammaraggio, salvando la vita a 155 persone.

Sullenberger venne subito ribattezzato “Captain Cool” (“Capitan Freddezza”) dall’allora sindaco di New York Michael Bloomberg. Eastwood, che ha 85 anni, dovrebbe girare il film, il cui titolo dovrebbe essere “Miracle on the Hudson”, per la Warner Bros. cominciando le riprese nel prossimo autunno. Ancora non ci sono nomi sul possibile interprete dell’eroico capitano. «Sono davvero felice che la mia storia sia nelle mani di un artista come Clint Eastwood», ha commentato Sullenberger, che oggi ha 64 anni. I produttori della Warner avevano già acquisito i diritti sul libro del pilota nel 2010, ma il progetto è decollato solo in questi ultimi giorni. Il prossimo film di Eastwood è molto atteso a Hollywood: American Sniper ha fruttato oltre mezzo miliardo di dollari, il più grande successo commerciale di tutti i tempi per un film di guerra.