I conti sbagliati di Delrio sui Bot della vecchietta, Fabrizio de Feo del Giornale

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 febbraio 2014 10:54 | Ultimo aggiornamento: 25 febbraio 2014 10:54
Graziano Delrio

Graziano Delrio

ROMA – “I conti sbagliati di Delrio sui Bot della vecchietta” scrive Fabrizio de Feo del Giornale:

Chi vuole saperne di più su Graziano Delrio legga qui:

Province, riforma Delrio: costeranno di più: più tasse per un nuovo mostro

Pensioni, il delirio di Delrio. Dal Fisco ai pensionati crudele solidarietà

 Graziano Delrio odia le pensioni d’oro ma l’ex segretaria ha uno stipendio d’oro

 Province resteranno. Delrio confessa: Più costi, ma è “strategico”

Alla sua prima uscita Gra­ziano Delrio, il braccio destro di Matteo Renzi, l’uomo che da sottosegretario alla Presidenza dovrà limare le conflittualità interne alla mag­gioranza, fa il primo scivolone. Ospite da Lucia Annunziata an­nuncia un possibile inaspri­mento della tassazione sui tito­li di Stato, da adeguare alle me­die europee ( quindi con un au­mento dal 12,5% attuale al 20%), costringendo Palazzo Chigi alla prima smentita a 24 ore dal giuramento. Un vero re­cord. Un infortunio «politico», con­siderato che Delrio dovrebbe incarnare un profilo di back­of­fice , come fece a lungo e con pro­verbiale discrezione Gianni Letta nell’esecutivo Berlusco­ni, ma anche «matematico». Se­condo l’ex sindaco di Reggio Emilia «se a un’anziana con 100mila euro togli 25 o 30 euro non avrà certo problemi di salu­te ». Peccato che il suo calcolo sia per difetto di circa 10 volte. Vediamo alcuni esempi. Pren­diamo 100mila euro di Btp a sca­denza medio-lunga, 2021, con un rendimento del 3,75%. Su di essi il risparmiatore incassa 3.750 euro lordi annui di inte­ressi. Con l’attuale tassazione al 12,5%, il risparmiatore paga oggi 468 euro di tasse. Se l’ali­quota passasse al 20% l’inaspri­mento non sarebbe certo di «25 o 30 euro». Si pagherebbero, in­fatti, 750 euro di tasse, quindi 282 euro in più ogni anno. In pratica dieci volte più di quan­to sostiene Delrio.
Analogo calcolo si può fare, mantenendo la base dei 100mi­la euro, su titoli diversi con scadenze più ravvi­cinate. Sui Bot a 1 anno all’ 1%, il rendimento lordo è di 1.000 euro. Se attualmente finisco­no nella tasche del ri­sparmiatore 875 euro, con la «tassa Delrio» l’introito scenderebbe a 800. Spostandoci sui 5 anni con un tasso del 3,25%, il risparmiatore vedrebbe passare il proprio ren­dimento- al lordo di 3.250 euro – da 2.844 a 2.600 euro. Insom­ma 244 euro di differenza. Sen­za contare che a quella cifra bi­sogna sottrarre oltre al 12,5% di tasse, l’imposta di bollo del 2×1000 sull’intero importo più le spese. Se a questo aggiungia­mo l’inflazione si comprende che se la proposta andasse in porto ciò che resterebbe in ta­sca ai risparmiatori sarebbe po­ca cosa, riducendo fortemente l’ appeal dei nostri titoli di Sta­to.
Il provvedimento, inoltre, è discutibile anche in termini di resa. Un inasprimento dell’ali­quota­sui titoli di Stato colpireb­be solo una piccola parte di que­sti, quelli in mano alle famiglie, ovvero 174 miliardi su di un to­tale di 1.740 miliardi in circola­zione. Il 90% dei Bot, Cct e altri titoli di Stato è infatti detenuto da banche, assicurazioni e so­cietà finanziarie, tutti soggetti per i quali i redditi da capitale fi­niscono nell’imponibile fisca­le complessivo e che quindi so­no indifferenti (e sostanzial­mente immuni) alle variazioni dell’aliquota secca e alla tassa­zione diretta dei rendimenti. In­somma tassare i titoli portereb­be nelle casse dello Stato poco più di 400 milioni. E i grandi in­vestitori riuscirebbero a fuggi­re all’imposta. Una lettura con­fermata anche da Maria Canna­ta, dirigente generale del debi­to pubblico al ministero del­l’Economia. «Una eventuale modifica delle tassazioni sui ti­toli di Stato avrebbe effetti mo­desti per il gettito ». Diverso il di­scorso se si guarda sul lato della domanda. «Il retail è sensibile su questi aspetti. Bisogna ricor­dare ch­e è stata anche aumenta­ta la tassa sul dossier titoli ». Co­me dire, attenti perché un nuo­vo balzello potrebbe facilmen­te trasformarsi in un boome­rang.