Corradino Mineo, vendetta vs Maria Elena Boschi e Renzi?

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 novembre 2015 17:12 | Ultimo aggiornamento: 6 novembre 2015 17:12
Corradino Mineo, vendetta vs Maria Elena Boschi e Renzi?

Corradino Mineo, vendetta vs Maria Elena Boschi e Renzi? (foto Ansa)

ROMA – Corradino Mineo mosso da “vendetta” quando ha detto che Renzi è succube di una bella donna (alludendo palesemente a Maria Elena Boschi). Lo scrive Franco Bechis, giornalista di Libero sempre molto informato sul “chiacchiericcio” politico. Secondo Bechis Mineo non avrebbe digerito la decisione (della Boschi) di estrometterlo dalla commissione Affari Costituzionali del Senato.

Ecco cosa ha scritto Bechis sul suo blog L’Imbeccata:

“La data è 11 giugno 2014, l’ora poco prima di cena. E’ in quel momento che a Corradino Mineo, ancora senatore del Pd arriva una telefonata inattesa da parte del presidente del Consiglio, Matteo Renzi. Quel pomeriggio Mineo è stato sostituito dal Pd nella commissione affari costituzionali del Senato che sta affrontando la celebre riforma costituzionale. Anche senza Mineo- che vuole un Senato elettivo- la maggioranza in commissione ci sarebbe, per cui quella sostituzione sembra solo punitiva…

“Pronto, Corrado? Sono Matteo…”, l’esordio della telefonata ha tono cordiale. Renzi prosegue: “sei furioso, eh? Ti capisco…”. Mineo lo interrompe: “…avete preso una decisione tanto antipatica quanto inutile, certo che sono furioso…”. Renzi sospira: “… beh, avete… Non è così. Io sinceramente ero pure contrario…”. Mineo si arrabbia: “… dai, non questo. Almeno non prendermi in giro!”. Renzi: “no, no… dico davvero… Non sono stato io. L’ha voluto a tutti i costi Maria Elena, ed è lei che si è irrigidita sul Senato non elettivo. A me andava bene la riforma anche eleggendo i senatori, ma lei si è impuntata. Se dicevo di no, poi facevo la pazza… Comunque è una sostituzione tecnica, solo temporanea.. Mi capisci, no…?”.