Femminismo, per sondaggio Time parola è da archiviare

di Redazione Blitz
Pubblicato il 17 novembre 2014 10:12 | Ultimo aggiornamento: 17 novembre 2014 10:12
Femminismo, per sondaggio Time parola è da archiviare

Femminismo, per sondaggio Time parola è da archiviare

ROMA – È finita nel concorso che ogni anno la rivista Time indice sull’espressione più abusata. In Rete c’è che si indigna. Ma i lettori votano: “femminismo” ha stufato.

Scrive Elena Stancanelli su Repubblica:

Ogni anno la rivista Time indice il concorso per la parola più insopportabile, più abusata, quella che si vorrebbe veder bandita per sempre dall’uso comune. Pubblica una lista di candidate, e poi chiede ai lettori di votare. Quest’anno nella lista c’è la parola “femminismo”. Non abbiamo niente contro il femminismo, hanno spiegato dopo aver scatenato l’inferno, è la parola il problema e il modo in cui è stata usata. In particolare da tutte quelle cantanti, attrici, donne famose a vario titolo che la sfoggiano ormai in ogni intervista, esibendo il proprio impegno come un gioiello. Esprimendosi senza competenza l’hanno distrutta, banalizzata, resa insopportabile.

Si riferiscono prima di tutto a Beyoncé, che ha campionato le parole del Ted talk di Chimamanda Adiche nella sua canzone, “Flawless”, usandole anche come sfondo dei suoi concerti. Quelle dove la scrittrice nigeriana si chiede perché si insegni ancora alle ragazze a considerare il matrimonio un obiettivo, mentre l’obiettivo che ai maschi si insegna di rincorrere è un buon lavoro, che consenta successo e denaro. E poi a tutte le altre — Taylor Swift, Lena Dunham, Lady Gaga, Miley Cyrus… — che si sono espresse non proprio richieste sull’ortodossia o le specificità del proprio femminismo. Persino il discorso di Hermione/Emma Watson alle Nazioni Unite è stato incluso in un uso pop, e quindi irritante, del femminismo, tanto irritante da meritare appunto l’ostracismo. La rete si indigna, i social non ci stanno. Roxanne Gay, autrice di Bad Feminist, twitta «In quale universo è un problema che le celebrity supportino il femminisimo rendendolo popolare?». E ancora: «Non è che per caso quelli del Time stanno con Woman Against Femminism? (il famoso tumblr nel quale alcune donne si sono fatte fotografare con cartelli che spiegavano perché a loro non serviva il femminismo: perché mi piacciono gli uomini, amo i commenti sul mio corpo, cucinare le torte di mele…).

Ma mentre l’indignazione su Internet sale, e le giornaliste si affannano a spiegare perché non va bene bannare il femminismo, sia pure per gioco, i lettori di Time votano. Secondo le ultime proiezioni, la parola femminismo ha conquistato la prima posizione in classifica, staccando le avversarie “bae” (il nuovo “baby”), “kale” (fico) “om nom nom nom” (una specie del nostro “mmmmmm”, per significare che si sta mangiando qualcosa di buonissimo) e “literally”. Il 40% dei lettori di Time pensa che la parola da eliminare nel 2015 sia femminismo. Finora avevano vinto parole oggettivamente orribili, acronimi impronunciabili, neologismi senza alcun significato. Esclamazioni usate come interiezioni negli sms: LOL (Laugh Out Loud, che ridere) OMG (Oh My God) YOLO (you only live once, la vita è una sola). Nel 2014 aveva vinto “twerk”, la danza che consiste nello sbattacchiare il fondoschiena resa celebre da Miley Cyrus, Rihanna e Jennifer Lopez. Parole quindi, e anche bruttine.

Femminismo, scrivono gli indignati contro Time , non è una parola, è un’identità, un’ideologia, un credo politico. Non può essere liquidato come un fastidioso modo di dire, finire nel mucchio dei tic linguistici. È vero che quest’anno ha tirato il vento dell’impegno e alcune donne famose, di solito impegnate soprattutto a tener lisci e appuntiti gli zigomi, hanno sproloquiato a caso su pari opportunità e quote rosa. Può essere una cosa scema, ma male non fa. Bisogna accordarsi su un’unica linea di condotta: quelli famosi, aiutano o danneggiano le cause a cui aderiscono? È difficile capire perché tirarsi una secchiata di ghiaccio in testa, allo scopo di incrementare i fondi per la ricerca sulla Sla, sia giusto, e che Beyoncè balli di fronte a uno schermo su cui stanno scritte parole intelligenti, dovrebbe essere una catastrofe. Se Jovanotti scrive sul suo account twitter che Open di Agassi è un bellissimo libro, ne fa vendere migliaia di copie. Certo, sarebbe meglio che lo stesso risultato lo ottenesse una dotta recensione, ma anche il risultato e basta è qualcosa.

Tra tutte le parole brutte che il nostro vocabolario ospita e la contemporaneità inventa, ci siamo scagliati tutti con insopprimibile violenza contro “femminicidio”. Perché lo scontro maschio/femmina è ancora il nodo delle nostre società. Da quella dialettica esplosiva nasce quasi tutta l’arte, la politica, per non parlare delle psico-patologie. È irrisolto, caldo, è la nostra rivoluzione possibile, quella che, nella peggiore delle ipotesi, potremmo ancora mancare. Da qualche giorno è diventato virale (e ha prodotto decine di imitazioni) un video girato in varie città, in cui una ragazza né bella né brutta, in abiti non appariscenti, cammina. E viene sepolta di commenti, fischi, battute, proposte oscene. Chissà se sono quelli gli elettori di Time, i fischiatori da strada che non vogliono essere spernacchiati dalle femministe. O sono invece certe femministe portatrici della vulgata femminista e offese dalla sua banalizzazione, che per eccesso di severità preferiscono far saltare il banco. La politica insegna: gli avversari peggiori ce li hai quasi sempre in casa.