Grecia? No. La vera tragedia europea è la Germania di Merkel e Schauble: Maurizio Ricci, Repubblica

di Redazione Blitz
Pubblicato il 15 luglio 2015 6:31 | Ultimo aggiornamento: 14 luglio 2015 21:10
Grecia? No. La vera tragedia europea è la Germania di Merkel e Schauble: Maurizio Ricci, Repubblica

Il cancelliere e il ministro delle Finanze tedeschi: Angela Merkel e Wolfgang Schaeuble (LaPresse)

ROMA – “La vera tragedia europea è la Germania”: è il titolo di un’analisi di Maurizio Ricci su Repubblica. Secondo Ricci la lunga trattativa per il terzo piano di aiuti alla Grecia, cinque mesi di schermaglie con il governo Tsipras che hanno portato alla firma di un accordo durissimo per i greci, umiliante per il loro premier e probabilmente recessivo per la loro economia, ha fatto cadere il “velo su Berlino”. Cioè su questa Europa a trazione tedesca, avviata su una rotta che non sembra proprio quella della crescita e della prosperità. Scrive Ricci:

Una grande multinazionale straniera sta facendo firmare, in questi giorni, ai suoi fornitori italiani, contratti che contemplano la procedura da seguire in caso di uscita dall’euro e ritorno alla lira. E’ il risultato – gravissimo – del modo irresponsabile con cui è stata gestita la crisi greca. Il contagio è già avvenuto. Il “salveremo l’euro a qualsiasi costo” di Draghi è sepolto. Nella testa della gente e dei mercati, l’euro è diventato reversibile. Lo pagheremo in termini di spread e di speculazione. Se non oggi, domani, alla prossima crisi. E il dubbio è che questo sia stato lo scopo deliberato di chi ha messo in piedi, in queste ore, a Bruxelles, una rappresentazione ad uso e consumo di un pubblico (quello tedesco) precedentemente addestrato ad una visione unilaterale e faziosa della realtà. Sangue e torture a parte, non era diversa la logica dei processi dell’Inquisizione spagnola.

Solo nello scenario di una rappresentazione si spiega la facilità con cui, fra sabato e domenica, sono circolate bozze di documenti in cui, venivano comunque menzionate ipotesi, come l’uscita temporanea della Grecia dall’euro, che i tecnici avevano già liquidato come improponibili. A rassicurare lo stesso pubblico è stata riproposta la ricetta economica di sempre: siccome l’economia va peggio del previsto, bisogna stringere ulteriormente le viti dell’austerità, con il risultato che l’economia andrà ancora peggio, gli obiettivi verranno inevitabilmente disattesi, l’austerità verrà rinforzata e la spirale perversa, già vista all’opera in questi anni, potrà dare un altro giro, sempre perchè la priorità sarebbe mettere da parte i soldi per restituire i debiti. Restituzione che resta problematica esattamente come prima. Ma, poiché tagliare i debiti inesigibili resta un’eresia, pur di non ridurre la montagna del debito preesistente si preferisce aumentarla ulteriormente di un’altra ottantina di miliardi, così da trasformare la piaga in cancrena.

A questo punto, i dettagli dell’accordo – quanto cede Tsipras, cosa riesce a strappare, l’elenco delle riforme – contano assai poco. Qualsiasi numero, qualsiasi vincolo è ballerino. Inevitabilmente, sulla misura effettiva del deficit di bilancio, sulle rate di restituzione dei debiti, l’Europa dovrà tornare. Il dramma greco è destinato a restare con noi. Per arrivare a questo risultato, Berlino ha devastato il panorama politico del continente. Da Salonicco a Lisbona, l’Europa ha un “cattivo” ufficiale e parla tedesco, un ruolo che la Germania dovrebbe vivere con qualche disagio. L’asse storico con Parigi è profondamente incrinato: le proposte con cui Tsipras si è presentato venerdì a Bruxelles e che sono state ridicolizzate dai tedeschi erano state studiate insieme al governo francese. Le ipotesi di maggiore integrazione dell’eurozona, di una progressiva cessione di sovranità fiscale ed economica a Bruxelles sono severamente impiombate, almeno a livello popolare: chi ha voglia di cedere sovranità all’Europa di Schaeuble, per ritrovarsi domani pignorato il Colosseo o gli Champs Elysées?

La vera tragedia nel cuore dell’Europa, oggi, non è la Grecia. E’ la Germania, l’isolamento culturale, ideologico in cui vive la maggior potenza del continente. La tragedia è che Schaeuble, la Merkel, la Spd non potevano, probabilmente, per realismo politico, comportarsi diversamente. Per anni, l’establishment tedesco – dai politici ai giornali – ha fornito all’opinione pubblica una immagine della realtà europea fasulla, in cui, ad esempio, i tedeschi appaiono quelli che finanziano i debiti greci, anche se, pro capite, il contribuente tedesco ha versato esattamente quanto quello italiano. Nessuno, tuttavia, al di là del Reno, la mette in discussione. Ora, è anche possibile che i teorici dell’austerità abbiano ragione, ma l’aspetto malsano della vicenda è che l’opinione pubblica tedesca non conosce altra versione della realtà. Le critiche di premi Nobel come Krugman e Stiglitz, le obiezioni di Obama, lo smantellamento dei dogmi dell’austerità da parte del Fmi, gli appelli dello stesso Fmi ad un taglio del debito greco non sono mai arrivati all’opinione pubblica. I giornali non ne parlano, i politici neanche. Per quanto possa apparire incredibile, un dibattito non c’è. Al volante della macchina europea c’è una Germania che non riesce a staccare gli occhi dal proprio ombelico.