Gregorio De Falco, ammiraglio Arturo Faraone: “Lo spostano perché…”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 settembre 2014 10:26 | Ultimo aggiornamento: 26 settembre 2014 10:26
Gregorio De Falco, ammiraglio Arturo Faraone: "Ecco perché lo spostano"

Gregorio De Falco

ROMA – “Non esiste nessuna dietrologia, si tratta di un normale avvicendamento, uguale a quello a cui sono sottoposti ufficiali e sottufficiali di tutte le Forze Armate”. L’ammiraglio Arturo Faraone, direttore marittimo della Guardia costiera toscana e comandante di Gregorio De Falco, non ha peli sulla lingua.

Il militare salito alla ribalta delle cronache per i fatti accaduti la notte della Costa Concordia, additato da tutti come “eroe” per aver severamente ripreso via radio Francesco Schettino, intimandogli di tornare a bordo della nave che aveva appena abbandonato, in un’intervista pubblicata su Repubblica aveva sputato veleno addosso alla sua arma di appartenenza.

“Sono amareggiato e sto riflettendo su molte cose, comprese le stellette che porto addosso”, ha detto il comandante riferendosi alla notizia di un suo imminente trasferimento non richiesto.

Ma il suo capo non ci sta e a Libero confessa:

“Non è così. Una punizione non avrebbe alcun senso. De Falco è da sette anni nel settore operativo. Finora il suo ruolo era a metà tra capo reparto operativo e capo sezione operativa. Dal 28 settembre, invece – prosegue – assumerà l’incarico di capo ufficio studi della direzione marittima, sempre qui a Livorno. Si occuperà anche dei movimenti ispettivi negli uffici dipendenti. Si tratta di un incarico di crescita perché permette una visione del servizio a 360 gradi”.

La decisione di spostarlo è arrivata direttamente dal reparto personale del Comando generale di Roma. «Non perché qualcuno abbia pensato a una punizione – prosegue l’ammiraglio -, ma perché qualsiasi militare di qualsiasi forza armata dopo alcuni anni deve essere spostato. È fisiologico.

Posso capire che De Falco ami il suo lavoro operativo, ma sono certo che saprà far bene anche in un ruolo diverso che, ripeto, semmai andrà a premiarlo». Faraone dice di non sapere il perché il comandante si sia rivolto alla stampa.

«Chiedetelo a lui – specifica -, ma posso dire che ognuno è libero di interpretare le cose come vuole e di avere la chiave di lettura che più gli si confà. Io, ripeto, ritengo che non esistano retroscena o problemi di altro tipo e che tutto stia avvenendo come deve. Si tratta solo di una questione di accettazione». L’ammiraglio, peraltro, ammette l’ottimo lavoro di De Falco durante la notte delle operazioni. «Il suo intervento e in egual modo quello di tutti gli uomini che operarono in quell’occasione – chiarisce – hanno consentito di far ottenere la medaglia d’oro al merito di Marina alla direzione marittima. Quindi, ripeto, non vedo motivo per cui il collega avrebbe dovuto essere punito. Semmai il suo impegno premiato, come di fatto è stato. Ha avuto un rilievo mediatico eccessivo…» (…)