Ikea sgradita a Milano e dintorni, “crea posti di lavoro ma ne distrugge di più”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 Novembre 2013 11:27 | Ultimo aggiornamento: 9 Novembre 2013 11:27
Ikea sgradita a Milano e dintorni, "crea posti di lavoro ma ne distrugge di più"ROMA – Ikea non è gradita a Milano e dintorni. Crea nuovi posti di lavoro, dicono gli avversari, ma ne distrugge ancor di più.
 La Confcommercio di Milano è scesa in campo contro il progettato insediamento di un nuovo centro commerciale, in cui Ikea sarebbe magna pars, nel comune di Rescaldina a 30 chilometri da Milano e a 5 da Legnano:  74 mila metri quadrati di cui 22 mila destinati a ospitare mobili e arredamenti Ikea e altri 52 mila per una galleria commerciale a tutto campo.

È, ha scritto Dario Di Vico sul Corriere della Sera,

“il nuovo format dell’Ikea che ha visto una prima realizzazione a Villesse, in provincia di Gorizia e a ridosso della autostrada A4 e ora sbarca nell’Alto Milanese per poi puntare su Brescia”.

Il rischio, scrive Dario Di Vico, è

“quella che i commercianti denunciano come «un’overdose di centri commerciali» perché sull’asse Rho-Gallarate ne esistono già 13 oltre a un altro centro shopping sempre nel territorio di Rescaldina che occupa 46 mila metri quadri”.

Oltre ai danni che il centro Ikea provocherebbe per i negozi costretti a chiudere i battenti, nel corso di una assemblea di un centinaio di commercianti a Legnano e con la presenza di un paio di sindaci della zona, assessori e consiglieri regionali è stato denunciato

«un consumo di suolo di ulteriori 280 mila metri quadrati sottratti al verde e all’agricoltura in un’area già fortemente urbanizzata».

La Confcommercio aggiunge Dario Di Vico,

“contesta anche i dati sull’occupazione, secondo il suo ufficio studi per 840 nuovi posti di lavoro creati con l’insediamento Ikea se ne distruggerebbero 1.085 nelle piccole imprese della zona e quindi il saldo sarebbe negativo”.

[…]

“L’Ikea per ora non ha intenzione di replicare direttamente, ha affidato all’università di Castellanza uno studio sull’impatto del nuovo insediamento. Si sa che l’investimento sarà di 250 milioni di euro e che gli 840 saranno i soli posti di lavoro diretti ai quali va aggiunto il potenziale indotto. L’operazione non sarà tutte sulle spalle degli svedesi ma sono previsti dei partner immobiliari che si suddivideranno, ad esempio, i costi di realizzazione di nuove infrastrutture di viabilità stimati in 25 milioni”.

Ikea, conclude Di Vico,

“non sembra disposta a esaminare subordinate. O tutto o niente, ma siamo solo alla prima puntata”.