Il Fatto: “Larga intesa sui favori: dalle slot a Sorgenia”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 Dicembre 2013 9:23 | Ultimo aggiornamento: 19 Dicembre 2013 9:24
Il Fatto: "Larga intesa sui favori: dalle slot a Sorgenia"

Carlo De Benedetti (LaPresse)

ROMA – Caos di fine anno in Parlamento per manovra e decreti: ne approfittano le lobby, che piazzano i loro emendamenti.

Scrive Marco Palombi sul Fatto Quotidiano:

(…) Ecco un breve riassunto delle novità più gustose, per così dire, della giornata, tra la manovra alla Camera e il decreto sugli enti locali in Senato: tra favori, regalini, equilibrismi contabili, condoni presentati e ritirati la maggioranza vive la tipica sindrome da confusione da fine sessione di bilancio in cui sguazzano lobbisti e interessi d’ogni tipo.

DE BENEDETTI. Un emendamentino del relatore alla manovra (Mai-no Marchi del Pd) – che esenta le centrali termoelettriche e a turbo-gas sopra i 300 MW dall’obbligo di corrispondere ai Comuni gli oneri di urbanizzazione – risolve a Sorgenia un problemino col Comune di Turano Lodigiano, che chiede all’azienda dell’ingegnere la bellezza di 22 milioni proprio in oneri di urbanizzazione. L’emendamento, sostiene la società, “interessa tutti gli operatori del settore energetico” e punta a “garantire certezza degli investimenti ed evitare infiniti contenziosi con gli enti locali”.

BANCHE. Dopo la possibilità di scaricare le sofferenze in bilancio in cinque anni anziché in 18 e altre chicche, gli istituti di credito incassano pure un’aliquota di favore sulla rivalutazione delle quote di Bankitalia (…): l’aliquota a cui sarà tassata la plusvalenza non è stata fissata al 20 per cento (quella normale) e nemmeno al 16 (come previsto inizialmente), ma al favorevolissimo 12, meno dei titoli di Stato. Il gettito, corrispondentemente, passa da un miliardo e mezzo a 900 milioni al massimo.

CALTAGIRONE E ALTRI. Un emendamento della montiana Linda Lanzillotta – approvato in commissione e accantonato in aula mentre andiamo in stampa – prevede solo per la città di Roma l’obbligo di privatizzare le società municipalizzate e di mettere sul mercato nuove quote di Acea (al momento il comune detiene il 51 per cento e il socio più forte è Francesco Gaetano Caltagirone con circa il 16) “limitandosi a mantenere la quota di controllo” e pure, però, a prevedere una bella sfoltita al personale (…)

LOBBY DEL GIOCO. I concessionari delle slot si erano un po’ spaventati per le scelte di comuni come Milano che tentavano di porre un freno alla diffusione del gioco nei locali pubblici. Niente paura, ci pensa il Nuovo centrodestra in Senato: un loro emendamento avverte regioni e enti locali che, in caso di mancati introiti da gioco dovuti a loro iniziative legislative, subiranno un corrispondente taglio ai trasferimenti statali. Non solo: l’emendamento approvato ieri prevede che, in caso di ritiro della licenza, i concessionari possono continuare a lavorare per tre mesi per poi lasciare il posto a chi ha già licenze di quel tipo.

CONDONI. Passato quello per i balneari, che si vedono scontare il 70 per cento dei canoni non pagati, fermato per ora quello edilizio per gli abusi su suolo demaniale: l’emendamento in Senato è stato ritirato dai relatori.

MARCHETTE SPARSE. La più rilevante è di sicuro quella che ha tenuto insieme la nuova maggioranza di Letta, portando in dote al Nuovo centrodestra molti parlamentari del Mezzogiorno: 126 milioni per gli Lsu di Calabria, Napoli e Palermo (…)

ESODATI E AUTONOMI. Sono legati da un destino comune ormai. Per tutelare altri 17 mila dei primi dal 2014, si aumentano i contributi Inps dei secondi: con buona pace del popolo delle partite Iva e dei padroncini dell’autotrasporto appoggiati ai loro forconi.